Contenuto sponsorizzato

Sfrecciano a 176 e a 158 chilometri orari nella galleria di Mezzolombardo. Ora rischiano 850 euro di multa

Ai due automobilisti, è stata immediatamente ritirata la patente ed entrambi sono stati segnalati al Governo. I due rischiano la sospensione della patente da 6 a 12 mesi, 10 punti di penalizzazione e una sanzione di almeno 850 euro

Foto archivio
Pubblicato il - 15 gennaio 2020 - 18:17

MEZZOLOMBARDO. Sfrecciavano a 176 e a 158 chilometri orari all'interno della galleria di Mezzolombardo dove il limite è fissato agli ottanta chilometri orari.

 

A finire nei guai sono stati due automobilisti trentini che sono stati beccati dal telelaser in dotazione alla polizia locale Rotaliana – Koenigsberg.

 

Anche con la decurtazione del 5 per cento di tolleranza dello strumento, si è arrivati alla velocità di 167 e 156 chilometri orari, valori questi comunque superiori al limite.

 

Ai due automobilisti, è stata immediatamente ritirata la patente ed entrambi sono stati segnalati al Governo. I due rischiano la sospensione della patente da 6 a 12 mesi, 10 punti di penalizzazione e una sanzione di almeno 850 euro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 18:58

Gli studenti della classe terze dell'Arcivescovile  hanno scritto una lettera alla senatrice a vita per chiederle dei consigli su come affrontare i messaggi, d'odio sempre più frequenti nel mondo d'oggi. Dopo due settimane è arrivata la risposta di Liliana Segre 

27 gennaio - 19:30

Mentre anche a livello parlamentare la discussione è aperta e il primo grande banco di prova potrebbero essere le elezioni regionali in Puglia, i tre movimenti cominciano a ragionare su un blocco in sostegno a Franco Ianeselli. Intanto Dario Maestranzi è pronto a lasciare il Patt per seguire questo progetto

27 gennaio - 18:55

Dopo la grande manifestazione che ha portato 10mila persone in Lessinia in molti riferiscono di un presidente della regione, Luca Zaia, “infuriato” perché tenuto all'oscuro della proposta di legge. Il consigliere Dem Zanoni: “I veneti amano l’ambiente che è un patrimonio di tutti e non sono più disposti a vederlo sacrificato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato