Contenuto sponsorizzato

Si cappotta e resta in bilico sull'Adige, i pompieri liberano il passeggero rimasto incastrato nell'auto

Il conducente ha perso il controllo del mezzo in lungadige Attiraglio a Verona, quindi ha urtato un paracarro a lato della carreggiata per rovesciarsi. Il veicolo è rimasto così in bilico a pochi metri dal corso d'acqua

Pubblicato il - 09 gennaio 2020 - 13:17

VERONA. Un'auto si è cappottata per restare in bilico sull'argine dell'Adige. Dopo l'incidente dei giorni scorsi nel quale sono rimasti coinvolti due anziani (Qui articolo), un altro veicoli ha rischiato di finire nel fiume.

 

Il conducente ha perso il controllo del mezzo in lungadige Attiraglio a Verona, quindi ha urtato un paracarro a lato della carreggiata per rovesciarsi.

 

Il veicolo è rimasto così in bilico a pochi metri dal corso d'acqua. L'uomo alla guida del mezzo è riuscito a scendere per lanciare l'allarme, mentre il passeggero è rimasto incastrato nell'abitacolo.


Immediato l'arrivo dei soccorsi tra ambulanza, vigili del fuoco e polizia. Le forze dell'ordine hanno messo in sicurezza l'area, mentre i pompieri hanno ancorato la vettura. 

 

A quel punto il passeggero è stato estratto dalle lamiere e consegnato al personale sanitario per le cure del caso. 

 

Un'operazione comunque lunga e articolata per mantenere in equilibrio l'auto, rimetterla in carreggiata e poi procedere alla rimozione del mezzo.


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 gennaio - 13:44

L'allerta è scattata intorno alle 12.45 di oggi, sabato 23 gennaio, in zona del Dosso Costalta, parte sud-occidentale del Lagorai tra l’altopiano di Pinè e la val dei Mocheni. Sono in corso le operazioni e le attività di soccorso

23 gennaio - 12:41

A oltre 80 anni dalla firma apposta da suo bisnonno Vittorio Emanuele III alle leggi razziali, l'erede di casa Savoia Vittorio Emanuele III ha voluto inviare una lettera di scuse alla comunità ebraica italiana. "E' arrivato il momento di fare i conti con la Storia". Ma perché questo gesto? 

23 gennaio - 14:00

E' stata coinvolta una strada che era, però, già stata chiusa nella giornata di ieri per motivi di sicurezza. Non sono state coinvolte fortunatamente persone 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato