Contenuto sponsorizzato

Si cappotta e rischia di finire nell'Adige dopo aver centrato un paracarro, grave incidente per due 70enni

E' successo in lungadige Attiraglio a Verona. Sul posto si sono portati sanitari, vigili del fuoco e polizia locale

Pubblicato il - 04 January 2020 - 17:06

VERONA. Poco dopo le 15.00 di oggi pomeriggio, in lungadige Attiraglio a Verona, un'auto si è cappottata rischiando di finire nel fiume.

 

La vettura, una Fiat panda con a bordo una coppia di 70enni, per cause ancora sconosciute, ha colpito un paracarro di marmo e poi si è rovesciata a bordo strada finendo con le ruote all'aria. Sul posto si sono subito recati i sanitari, i vigili del fuoco e la polizia locale per i rilievi del caso.

 

L'impatto ha sbalzato il paracarro sull'argine del fiume dove, per fortuna, non stavano transitando podisti. Marito e moglie, soccorsi da sanitari e vigili del fuoco, sono stati quindi portati d'urgenza al Pronto soccorso. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 January - 15:08

Per il deputato forzista viene a crearsi anche una concorrenza sleale con gli altri territori: “Lo trovo assurdo soprattutto per i territori bellunesi confinanti con l’Alto Adige che da sempre vivono questa concorrenza sleale e che adesso avvertono con maggiore forza differenze quanto mai anacronistiche e impossibili da digerire" 

22 January - 12:27

A Stoccolma è nato Cederhus, il progetto che prevede la realizzazione della più grande struttura in legno al mondo. Un progetto che trova sostegno nell’azienda altoatesina Rothoblaas, specializzata nella produzione di viti, piastre, angolari e nastri sigillanti destinati proprio per questo genere di strutture. "Il nostro obiettivo è sostituire gli edifici in cemento con quelli in legno"

24 January - 12:13

Al gestore del bar la sanzione di 400 euro perché ha violato le disposizioni che impongono di non poter ricevere alcun cliente dopo le ore 18 all’interno del locale.  I controlli messi in campo da una task force interforze, voluta dal Questore di Trento, composta da agenti della Polizia di Stato, della Polizia Locale di Trento e della Guardia di Finanza che ha passato al setaccio i locali pubblici della città

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato