Contenuto sponsorizzato

Tempesta di fulmini in Trentino, Meteotriveneto: "Le temperature elevate hanno formato cumulonembi alti fino a 10 chilometri"

Le giornate molto calde degli scorsi giorni hanno portato al verificarsi di importanti temporali su tutto il Trentino - Alto Adige e Veneto. Rizzonelli di Meteotriveneto: "Dall’osservazione effettuata da Levico Terme era ben evidente che molti dei fulmini erano da “nube a nube” e ad altitudini sicuramente superiori ai 7 mila metri"

Di Lucia Brunello - 02 August 2020 - 11:41

TRENTO. Nei giorni scorsi, la regione del Trentino - Alto Adige (e non solo) è stata raggiunta da un’avvezione di aria calda di origine africana, che ha comportato un aumento significativo delle temperature con massime che nei fondivalle hanno raggiunto i 35 gradi con punte anche di 38 gradi, come è accaduto a Rovereto.

 

"Non solo le massime sono state elevate, negli ultimi giorni anche le minime hanno fatto registrare delle “notti tropicali", ossia in cui la temperatura minima non scende sotto i 20 gradi", è quanto spiega a ilDolomiti.it Giampaolo Rizzonelli, esperto e appassionato di climatologia e meteorologia di MeteoTriveneto

 

Nell'immagine qui sotto si possono leggere le temperature registrate ieri, sabato 1 agosto, sulla provincia di Trento.

 

"Tutto questo calore - continua Rizzonelli - ha sviluppato molta energia e l’attività convettiva di ieri pomeriggio ha favorito la formazione di numerosi cumulonembi (nubi a torre che raggiungono anche altitudini al limite della troposfera, ossia anche oltre i 10 chilometri di altezza) che ieri sera hanno scaricato tutta l’energia elettrica accumulata con una serie di temporali che hanno colpito alcune zone del Trentino Alto Adige e soprattutto ad est del Trentino si è potuta osservare una “tempesta di fulmini” memorabile che è andata via via spostandosi verso il Veneto.

 

Nella figura sottostante, riferita alle 22 di sera di ieri, sono registrati i fulmini dell'ultima ora: in rosso quelli caduti negli ultimi 10 minuti, in gradazione arancione quelli caduti in ogni fascia di 10 minuti nell’ora precedente, i cerchi neri indicano fulmini nube terra, mentre quelli vuoti i fulmini intra nube. "Dall’osservazione effettuata da Levico Terme era ben evidente che molti dei fulmini erano da “nube a nube” e ad altitudini sicuramente superiori ai 7 mila metri", spiega.

 

L'ondata di maltempo che ha colpito il Trentino, si è quindi espressa anche in questa "tempesta di fulmini", che ha dato vita ad uno spettacolo davvero suggestivo, proprio come testimonia il video pubblicato da ilDolomiti.it (clicca qui) e da queste foto scattate proprio da Rizzonelli.

 

Tanti i danni che si sono verificati nelle ultime ore, specialmente sul territorio del bellunese. Nella tarda serata di ieri sera, infatti, i passi Pordoi e Fedaia erano addirittura stati chiusi per frana, e in queste ore si sta ancora cercando di capire l'entità dei disagi che si sono verificati in Valle Ombretta.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 13 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Ricerca e università
14 aprile - 06:01
Il Cibio è stato tra i primissimi centri di ricerca in Italia a ipotizzare di sviluppare un vaccino per contrastare Covid-19, la sperimentazione [...]
Cronaca
13 aprile - 19:33
Trovati 119 positivi, 3 decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 168 guarigioni. Sono 1.558 i casi attivi sul territorio provinciale
Politica
13 aprile - 18:52
Servizi estivi gratuiti all’infanzia, la proposta del Pd: “Vista l’eccezionalità della contingenza pandemica dalla Provincia ci si aspetta [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato