Contenuto sponsorizzato

''Tenetevi la Smart, la Settimana della Moda, l'aperitivo e il 5G'', lo spot al contrario della Valsugana (VIDEO) che rischia di diventare un boomerang

Il video lanciato da Visit Valsugana con tanto di logo ufficiale ''Trentino'' è al limite dell'offensivo e potrebbe apparire a più di un potenziale turista come discriminatorio. Invece che raccontare le bellezze della propria terra si preferisce usarle per dei paragoni in negativo che non rendono giustizia a quanto tutti (lombardi compresi) possono trovare in Valsugana 

Di Luca Pianesi - 31 maggio 2020 - 16:57

TRENTO. ''Tenetevi il miniappartamento in centro, tenetevi il traffico, tenetevi il cibo da asporto, tenetevi le metropolitane, la Smart, tenetevi 'aperitivo?'. Tenetevi i lettini abbronzanti, tenetevi la Settimana della Moda, i palazzi, il 5G, gli assembramenti, il distanziamento sociale, i Drive-in, i tutorial, la cyclette, insomma: tenetevi tutto o tenete a voi stessi''. Si dice che una delle anime della pubblicità sia la frase 'Non importa che se ne parli bene o male, l'importante è che se ne parli'. Ebbene parlarne bene, della pubblicità lanciata da Visit Valsugana, che si conclude con tanto di logo del Trentino, per promuovere le bellezze della propria terra è davvero impossibile.

 

Uno spot al contrario dove invece che descrivere e valorizzare le bellezze della Valsugana (indubbiamente straordinaria, fascinosa e tutta da scoprire) usa una serie di paragoni negativi che, evidentemente, hanno un preciso target reso palese da quel ''tenetevi la Settimana della Moda''. Ci mancava solo ''tenetevi Milano'' e la frittata era completa, trasformando la pubblicità quasi in un messaggio discriminatorio mirato contro i milanesi (che, tra l'altro, immaginiamo si tengano molto volentieri la Settimana della Moda visto che è uno degli eventi più straordinari del mondo che rende il capoluogo lombardo ancor più frizzante, vivo e ricco dal punto di vista culturale, sociale ed economico). 

 

Uno spot controproducente che non si capisce chi possa invogliare a venire in Trentino (sicuramente non il proprietario di una Smart o quello che vive in un miniappartamento) per non parlare di quel 'tenetevi il 5G' che forse potrà entusiasmare qualche complottista sfegatato ma che non ha nessun senso anche dal punto di vista pratico: tenetevelo chi e dove (visto che ancora deve partire davvero) e perché? Cosa volete dire? Che fa male? Ma un ente turistico come l'Apt perché deve abbassarsi a questo livello? Insomma ''tenetevi tutto o tenete a voi stessi'' sembra la degna conclusione di uno spot che se qualcuno definirà offensivo non potrà essere biasimato. 

 

In questa fase storica dove c'è chi vorrebbe fare i test sierologici e i tamponi ai turisti lombardi (e poi c'è qualcun altro che si stupisce se all'estero hanno paura ad accettare gli italiani quando noi stessi chiudiamo le porte ai nostri connazionali) uno spot del genere proprio non ci voleva. Il rischio che in Valsugana dovranno finire per ''tenersi sé stessi'' è molto alto. I turisti, visto il video, potrebbero preferire ''tenersi tutto'' e andare in posti che non insultano le loro esistenze quotidiane ma li attirano offrendogli cortesia e ospitalità.

 

Dopo un'ora dalla pubblicazione dell'articolo il video è stato cancellato dal canale Youtube di Visit Valsugana ma lo avevamo salvato quindi potete vederlo ancora tramite il nostro canale 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 novembre - 10:19

I dati sono stati elaborati da Swg su un campione di circa un migliaio di persone. Nel nostro Paese sono in crescita i "complottisti" che credono in un virus diffuso da gruppi di potere, i "riduzionisti" che ritengono la situazione meno grave di come è rappresentata e i "resistenti", quelli che non vogliono vaccinarsi 

26 novembre - 10:06

Il Comune di Auronzo di Cadore, in accordo con l'Ulss Dolomiti 1 e la Regione Veneto, effettuerà uno screening sulla popolazione dedicato alle fasce d'età più sensibili al contagio. La sindaca Tatiana Pais Becher: "Si dovranno presentare le persone nate tra l'1 gennaio 1955 e il 31 dicembre 1979. Partecipate". Le operazioni, da svolgersi tutte nella giornata di domenica 29 novembre, riguarderanno 1250 persone

26 novembre - 04:01

Quella vissuta da una madre e un figlio trentini è una storia che ha accomunato molti cittadini, abbandonati a sé stessi nell'isolamento da Coronavirus e nella confusione di normative che continuano a cambiare. Chiusi in casa per un mese perché positivi al Covid, si sono dovuti arrangiare per poter finalmente tornare a lavorare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato