Contenuto sponsorizzato

Terribile incendio in Alto Adige, brucia l'azienda che produce speck. Quattro intossicati, sessanta evacuati, 200 vigili del fuoco in azione

Le fiamme hanno cominciato a devastare l'edificio intorno alle 12. I dipendenti sono riusciti a mettersi in salvo anche se qualcuno è stato portato in ospedale a Merano per intossicazione da fumo. La protezione civile avverte: ''Nessun pericolo per l'aria ma tenete le finestre chiuse''

Pubblicato il - 06 marzo 2020 - 16:44

POSTAL. Sono oltre 200 i vigili del fuoco in aziona per domare le fiamme che stanno devastando la fabbrica di speck e insaccati del salumificio Pfitscher, di via Roma a Postal. Un impegno importante per un incendio enorme il cui fumo è ben visibile da tutta la valle e che, fortunatamente, non ha causato vittime o feriti gravi ma che sicuramente sta causando danni enormi all'impianto.

 

 

Le fiamme si sono sviluppate, all'interno dell'edificio, intorno alle 12 e subito i dipendenti sono scappati all'esterno riuscendo a mettersi in salvo anche se alcuni di loro sono usciti con i volti ricoperti di fuliggine e quattro sono stati trasportati all'Ospedale di Merano per dei principi di intossicazione da fumo. In totale sono stati una sessantina i dipendenti dello stabilimento che sono stati fatti evacuare.

 

Immediatamente è scattato l'allarme e sul posto si sono portati i vigili del fuoco della zona in forze: attivi ci sono diversi corpi tra i quali quelli di Bolzano Lana, Gargazzone e Postal, Cermes, Foiana, Maia Bassa e Quarazze.

 

 

Diverse anche le ambulanze e i mezzi di soccorso, oltre alle forze dell'ordine e gli automezzi dei vigili del fuoco che stanno intervenendo con autopompe e autobotti per cercare di spegnere l'incendio. Secondo la protezione civile, "non sussiste al momento alcun pericolo per la popolazione me si consiglia di rimanere al chiuso e di tenere chiuse porte e finestre", questo il messaggio diramato nella zona viste le alte e nere colonne di fumo che si sono innalzate sopra lo stabilimento e stanno creando paura anche per la qualità dell'aria. 

 

Non si conoscono nemmeno le cause all'origine dell'incendio quel che è certo è che i danni sono ingenti. Si lavora per salvare il salvabile. 

 

 

Nel 2000 la famiglia Pfitscher aveva deciso di acquistare un’azienda che stava chiudendo con tutti i collaboratori, proprio lo stabilimento di Postal. Un modo per concentrarsi principalmente sulla produzione: "Attualmente - si legge nel sito ufficiale - si produce solo a Postal, e il progetto comprende anche un punto di vendita diretta".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 19:49

Purtroppo si registra anche un nuovo positivo a Cembra Lisignago dove si era sviluppato il più grosso focolaio legato alla popolazione residente che ha un rapporto dell'0,85% di positivi per residenti. Dato più alto nel comune vicino, ad Altavalle (1% di popolazione positiva). Altri tre comuni sopra lo 0,75%

21 ottobre - 20:14

La notizia è stata battuta da Reuters e ripresa in tutto il mondo. Il fatto sarebbe avvenuto in Brasile e la conferma arriva dall'Università di San Paolo

21 ottobre - 17:39

Tra i nuovi positivi, 71 presentano sintomi, 13 casi riguardano minorenni, dei quali 2 contagiati sono nella fascia di età 0-5 anni e altri 11 ragazzi si collocano nella fascia 6-15 anni, mentre 13 infezioni riguardano over 70 anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato