Contenuto sponsorizzato

Trovato morto un cucciolo di orso in val Rendena

La stagione degli amori ha solitamente inizio verso aprile ma quest’anno potrebbe essere un po’ anticipata, come gran parte dell’attività registrata finora. I resti del giovane orso saranno sottoposti a verifica genetica per risalire all’identità dello stesso e della madre, ai fini del monitoraggio della popolazione

Pubblicato il - 01 aprile 2020 - 13:49

TRENTO. Un orso è stato trovato senza vita in val Rendena. A comunicarlo il Servizio foreste e fauna della Provincia di Trento.

 

"In zona - spiega la nota del Servizio provinciale - era stata segnalata da giorni la presenza di un'orsa con il cucciolone e l'aggressione sarebbe dovuta alla volontà dell'esemplare maschio di rendere disponibile subito all'accoppiamento la femmina, eliminando il plantigrado più giovane".

 

La stagione degli amori ha solitamente inizio verso aprile ma quest’anno potrebbe essere un po’ anticipata, come gran parte dell’attività registrata finora.

 

"Si tratta comunque di un fatto naturale - aggiunge la nota - che succede anche in altre specie, per quanto possa sembrare crudele agli occhi dell’uomo.

 

I resti del giovane orso saranno sottoposti a verifica genetica per risalire all’identità dello stesso e della madre, ai fini del monitoraggio della popolazione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 05:01

Sono arrivati nel bel mezzo della pandemia, quando gli ospedali cercavano disperatamente personale, ma i loro contratti durano solo pochi mesi: “Crediamo di aver dato tanto e ci aspettavamo un trattamento diverso, ora ho deciso di guardare altrove”. Così Apss perde i professionisti della prima linea contro il Covid

24 ottobre - 08:12

Complice il manto stradale bagnato la donna ha perso il controllo del mezzo finendo per ribaltarsi. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Dro, i soccorsi sanitari e le forze dell'ordine

23 ottobre - 18:47

I risultati dello studio condotto dagli esperti dell’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima. I test sono stati condotti su diversi tipi di dispositivi di copertura naso-bocca: la mascherina artigianale, chirurgica, FFP2 o KN95, la visiera e le fasce di stoffa. Nello specifico, la percentuale di CO2 espirata ad essere re-inalata con la visiera è del 3%, mentre il 14% con quella artigianale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato