Contenuto sponsorizzato

Un candidato sindaco misogino per Trento: “Le donne non valgono nulla, sono traditrici per natura”. Franco Bruno (in posa con l’asino) si scaglia contro l’emancipazione

Il candidato sindaco è stato intervistato anche da ‘La Zanzara’: “A 22 anni sono stato arrestato per favoreggiamento della prostituzione”. Poi attacca Fugatti: “Dice di essere uomo di destra ma non ha fatto niente, spacciano a 50 metri dal Consiglio ma lui preferisce andare in giro a giocare con l’orso”

Di Tiziano Grottolo - 09 September 2020 - 12:25

TRENTO. Quando si parla di Franco Bruno bisognerebbe capire dove finisce il personaggio e dove inizia il candidato, fatto sta che alle prossime elezione comunali di Trento ci sarà anche lui e pur non potendo contare su partiti che lo appoggiano è determinato a far sentire la propria voce. Anzi, il fatto di non essere sostenuto da nessun partito è diventato il suo punto di forza: “Gli italiani non dovrebbero votare sempre le stesse persone, se hanno le palle votino me”. Grazie a una campagna elettorale spregiudicata e fuori da qualsiasi schema è arrivata anche la notorietà. Un successo che tutto sommato Bruno si aspettava: “Io non sono un parassita, sono una persona semplice è giusto che le persone mi ascoltino e che le televisioni e i giornali mi diano spazio, il sistema è corrotto serve uno come me che svegli gli italiani e li riporti sulla strada giusta”.

 

Una strada che passa per la lotta alla droga: “La sicurezza è il problema principale in Trento, gli stranieri che spacciano vanno espulsi e gli italiani devono finire in galera, ma se si votano sempre gli stessi personaggi non cambia nulla”. Il candidato non risparmia critiche nemmeno all’attuale giunta provinciale: “Fugatti dice di essere uomo di destra ma non ha fatto niente, spacciano a 50 metri dal Consiglio e il presidente non fa nulla. Lui preferisce andare in giro e giocare con l’orso”.

 

 

Come già anticipato in queste settimane Bruno ha ottenuto molta visibilità e con essa è arrivata anche la ribalta nazionale il candidato infatti, è stato intervistato da ‘La Zanzara’, il noto programma condotto da Giuseppe Cruciani con David Parenzo. Nel mirino del candidato sono finite le donne: “Negli ultimi 30 anni non ci hanno dato figli, sposavi una donna e ti portava via la casa e ti mandava in mezzo a una strada”. E ancora: Sono traditrici per natura, le donne di oggi non valgono nulla, non ci danno figli, non lavorano e non fanno niente”. Parole che mettono insieme un mix fra misoginia e sessismo e che riportano il Trentino indietro di oltre un secolo.

 

Bruno ha ribadito la sua preferenza per le donne musulmane perché, a suo dire, “fanno 3 o 4 figli, a differenza delle italiane, inoltre rimangono a casa per i lavori domestici, cucinano, lavano e puliscono mentre l’uomo porta a casa i sodi”. Secondo il candidato negli ultimi decenni l’universo femminile avrebbe guadagnato troppo potere. Fra un battibecco e l’altro, soprattutto con il giornalista Parenzo, Bruno ha svelato un aneddoto, a 22 anni è stato arrestato per favoreggiamento della prostituzione: “Andavo con le prostitute nigeriane e cinesi ma non per il sesso, ci andavo per scherzare e parlare perché hanno una cultura diversa”. Eppure fra “goliardate” e battute sprezzanti Bruno incarna quella cultura che dall’Italia (e dal Trentino) non è mai del tutto sparita, un’immagine della donna relegata a un ruolo subordinato. Sempre in secondo piano, pronta ad accettare i diktat dell’uomo. Forse in questo senso Bruno rappresenta un monito: le conquiste raggiunte in decenni di lotta per l’emancipazione non vanno mai date per scontate.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 aprile - 12:39
Nello stato di San Paolo in particolare una buona parte degli ospedali avrebbe esaurito le scorte di sedativi per i pazienti intubati che, secondo [...]
Ambiente
17 aprile - 19:34
Gli attivisti di StopCasteller contro la Giunta Fugatti: “Da mesi la Provincia non diffonde immagini e nasconde deliberatamente aggiornamenti [...]
Cronaca
18 aprile - 09:03
Un'operazione che ha coinvolto 12 province e in tutto sono state sequestrate  5.000 compresse, circa 150 fiale (con altrettante siringhe) e un [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato