Contenuto sponsorizzato

Un contadino brucia alcune sterpaglie ma finisce in fiamme il bosco

L'allerta è scattata in tarda mattinata di oggi, mercoledì 26 febbraio, a Faver. Le fiamme sono partite da alcune sterpaglie. Alcune ramaglie sono state bruciate da un contadino ma qualche scintilla è scappata e il rogo si è propagato all'area boschiva poco lontana

Pubblicato il - 26 febbraio 2020 - 20:22

FAVER. I vigili del fuoco sono entrati in azione per spegnere un incendio boschivo in val di Cembra

 

L'allerta è scattata in tarda mattinata di oggi, mercoledì 26 febbraio, a Faver. Le fiamme sono partite da alcune sterpaglie.

 

Alcune ramaglie sono state bruciate da un contadino ma qualche scintilla è scappata e il rogo si è propagato all'area boschiva poco lontana.

 

Immediato l'intervento dei vigili del fuoco di Faver, quindi sul posto si sono portati anche i corpi di Cembra e di Valda

 

I pompieri hanno messo in sicurezza l'area e hanno avviato le operazioni di spegnimento.

 

Il tempestivo intervento dei vigili del fuoco ha permesso di circoscrivere le fiamme e arrestare il fronte dell'incendio.

 

Un'operazione comunque lunga e delicata per cercare di arginare i danni dell'incendio. Complessivamente sono andati bruciati circa 300 metri di sottobosco.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 aprile - 11:52

Il caso è successo nelle Giudicarie Esteriori. A segnalare la presenza del Taxi alle forze dell'ordine dei residenti e la polizia locale ha intercettato il mezzo

03 aprile - 06:51

Sono anche tanti i professionisti ormai in pensione che hanno deciso di tornare tra le corsie d'ospedale per far fronte all'emergenza. Tra questi c'è Marina Cologna, in pensione da due anni ma che lunedì tornerà al Santa Chaira ed era nella commissione di laurea dei nuovi infermieri: "Trovo sia il minimo quello di mettermi a disposizione per alleggerire il carico ai colleghi che lavorano 13 ore al giorno. Mi impegnerò per dare tutto il mio contributo come faranno i neolaureati e come fanno gli infermieri che ogni giorno sono in trincea"

02 aprile - 18:01

L'arcivescovo Lauro tornerà in cattedrale per guidare, alle 15, la meditazione sulla Passione, come accaduto dall’inizio dell’emergenza Coronavirus. Domani sera i giovani collegati via web guideranno la via Crucis cittadina

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato