Contenuto sponsorizzato

Un grosso masso piomba sulla strada, riaperta nel pomeriggio la Sp241

Sul posto si sono portati i vigili del fuoco e la polizia locale della Valle del Chiese. Nel corso del pomeriggio è arrivato anche il geologo della Pat

Pubblicato il - 04 giugno 2020 - 19:16

STORO. E' stata riaperta nel corso del pomeriggio la strada tra Lodrone e Riccomassimo che attorno a mezzogiorno di oggi si era deciso di chiudere a causa di una frana.

 

Un masso di grosse dimensioni, infatti, è piombato sull'asfalto danneggiando in modo serio la carreggiata. Successivamente si è verificata anche una frana di terra e arbusti che ha resto impraticabile la sp 241.

Sul posto si sono portati i vigili del fuoco, la polizia della Valle del Chiese e nel corso del pomeriggio anche il geologo della Provincia. E' stata verificata la stabilità del terreno che sovrasta la strada e successivamente e stato rimosso il grosso masso che era piombato in strada.

 

Dopo aver messo l'area in sicurezza è stata riaperta la viabilità

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 11:43

I risultati saranno validati dalla commissione elettorale il 30 novembre e gli eletti rimarranno in carica per due anni. In leggero calo Udu ma si registra una importante affluenza con quasi il 40% degli studenti che hanno votato grazie al sistema dei seggi elettronici. E sulla destra l'Unione degli Universitari spiega: "Hanno tentato di nascondere candidati affiliati a partiti che attaccano i diritti degli studenti''

27 novembre - 12:04

Questo pomeriggio sono attesi gli annunci del presidente della Provincia che, dopo lo screening di massa, voleva dare un segnale alla popolazione tornando ad aprire alcune attività. Ma il quadro del contagio resta nero 

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato