Contenuto sponsorizzato

Al via il lavori di demolizione dell'ex base Nato sul Monte Grappa. Saranno conclusi entro fine novembre

I lavori erano stati annunciati pochi giorni fa e oggi, 26 ottobre, l'escavatrice ha iniziato a sventrare una struttura diventata di troppo per un territorio recentemente entrato nelle liste dell'Unesco 

Di Lucia Brunello - 26 ottobre 2021 - 16:33

BASSANO DEL GRAPPA. Sono iniziati i lavori di demolizione dell'ex base Nato, edificio storico che negli anni è stato trascurato al punto da diventare decadente e quindi un potenziale pericolo per i frequentatori del Monte Grappa. I lavori erano stati annunciati pochi giorni fa (qui articolo) e oggi, 26 ottobre, l'escavatrice ha iniziato a sventrare una struttura diventata di troppo per un territorio recentemente entrato nelle liste dell'Unesco (qui articolo).

 

I lavori di demolizione riguardano anche alcuni edifici accessori dell'ex base Nato e di un traliccio per apparati tecnici dislocati all’interno del vasto comprensorio dell’Area Sacra del Grappa.

Tra i presenti il Commissario Generale per le Onoranze ai Caduti, Generale Gualtiero Mario De Cicco, di autorità locali e di rappresentanti di Associazioni Combattentistiche e d’Arma.

 

Un intervento che rientra nell’ambito di un progetto più ampio di restauro del Sacrario Militare di Cima Grappa e di ripristino del decoro di parti adiacenti destinati a spazi espositivi.

 

"Il programma degli interventi è stato stabilito in seguito al Protocollo d’intesa per la Commemorazione del Centenario della Prima Guerra Mondiale, siglato il 18 aprile 2013, tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Ministero della Difesa. L’avvio di tale intervento, che corona lo sviluppo di un complesso iter tecnico-amministrativo durato alcuni anni, ha visto una forte accelerazione in questo ultimo anno per volontà del Ministro della Difesa Lorenzo Guerini", si legge in un comunicato.

L'intervento di demolizione si concluderà in breve tempo, e cioè entro il mese di novembre, prima dell'arrivo di eventuali nevicate. "I lavori consentiranno di ripristinare il decoro e di restituire l’opportuna dimensione ad un’Area considerata Sacra. Nel dettaglio essi prevedono una prima fase finalizzata alla demolizione della struttura, condotta da personale e da mezzi forniti in concorso dal 2° Reggimento Genio Guastatori dell’Esercito e una seconda fase che prevede una campagna mobile di recupero rifiuti inerti sul sito, conferimento e smaltimento dei materiali di demolizione in esubero da parte di un operatore economico individuato dalla citata Struttura di Missione".

 

Successivamente, nella primavera 2022, la zona interessata dalla demolizione sarà ricoperta di terreno vegetale per ripristinare il naturale stato dei luoghi.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 2 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
03 dicembre - 13:41
Ianeselli esorta tutti a vaccinarsi, approfittando anche della "maratona" di questi giorni nei centri dell'Apss. Il primo cittadino invita ad [...]
Cronaca
03 dicembre - 13:40
L'incidente è avvenuto in via Degasperi a Trento. Il 65enne si trovava sulla pista ciclabile quando è stato colpito da un camion in manovra. [...]
Cronaca
03 dicembre - 11:39
Da lunedì 6 dicembre entra in vigore sul suolo nazionale il decreto per il Super green pass, rilasciato solo a vaccinati e guariti dal [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato