Contenuto sponsorizzato

Covid, in Serbia vaccino gratis a turisti e stranieri: da Pfizer a Sputnik si può scegliere il preferito

La Serbia ha scelto di permettere la somministrazione dei vaccini per il Covid-19 anche agli stranieri: per prenotarsi basta compilare un questionario sul portale governativo (eUprava) ed aspettare la conferma via mail, dove verranno specificati anche luogo ed ora in cui avverrà l'inoculazione

Di Filippo Schwachtje - 05 April 2021 - 12:53

TRENTO Qualche mese fa in pochi avrebbero scommesso che la Serbia, una nazione di poco più di 7 milioni di abitanti e con un Pil pari a meno della metà di quello del Veneto, sarebbe stato uno dei paesi leader a livello mondiale nella sfida all'immunizzazione di massa dal Coronavirus. Eppure, a fine marzo, il paese balcanico era secondo in Europa e settimo a livello mondiale nella speciale classifica relativa al numero di vaccini inoculati, con un numero impressionante di più di 37 dosi somministrate ogni 100 abitanti. In Italia, per dire, siamo fermi a 18.

 

Da qui la decisione del presidente serbo Aleksandar Vucic di permettere anche a stranieri e turisti di vaccinarsi gratuitamente sul suolo nazionale, fornendo addirittura la possibilità di scegliere con quale farmaco immunizzarsi tra Pfizer/BioNTech, Moderna, Sputnik V, Sinopharm ed AstraZeneca. La procedura (come spiegato sul sito dell'ambasciata italiana in Serbia) è semplicissima: basta compilare un questionario sul portale governativo (eUprava), scegliere il siero preferito ed inoltrare la richiesta, fornendo il numero di telefono (che però deve essere serbo) e la mail per ricevere la conferma della prenotazione, la data ed il luogo dove presentarsi per ricevere il vaccino. 

 

Ma come è riuscita la Serbia ad assicurarsi dosi tanto numerose da potersi permettere di vaccinare anche cittadini stranieri senza neppure il permesso di soggiorno? Secondo l'Ispi (Istituto per gli studi di politica internazionale) le ragioni principali del successo serbo sono due: l'arrivo a gennaio di due milioni di Sinovac (il vaccino cinese), che hanno anticipato le successive forniture degli altri principali farmaci sul mercato, ed un'efficiente organizzazione digitale di prenotazione gestita attraverso il portale governativo eUprava. Oggi, con la presenza anche dei vaccini occidentali ad accompagnare le dosi russi e cinesi, diverse fonti riportano che il paese balcanico si trova ad avere abbastanza vaccini da consentire l'immunizzazione gratuitamente anche ai migranti.

 

Con questa mossa il governo serbo punta probabilmente ad un'operazione d'immagine sul piano internazionale e ad aumentare ulteriormente la propria influenza sulla regione balcanica attraverso l'uso della diplomazia del vaccino. Già nelle scorse settimane infatti il presidente Vucic ha donato (in alcuni casi consegnandole addirittura di persona) migliaia di dosi ai paesi vicini, in molti dei quali la campagna vaccinale sta procedendo a rilento a causa di mancanza di fiale e problemi organizzativi. Ora però la Serbia, già diventata un punto di riferimento per il turismo vaccinale per i paesi dell'area balcanica, sembra attirare sempre più cittadini europei alla ricerca di un weekend a Belgrado, da cui tornare (almeno per chi si sottopone alla seconda dose) con il certificato d'immunizzazione

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
24 giugno - 06:01
In aula è andato in scena un duello fra Dallapiccola e il presidente Fugatti che è apparso in difficoltà nel giustificare le scelte della Giunta [...]
Cronaca
24 giugno - 10:25
La donna, una turista lettone, aveva iniziato la salita dal lago di Braies verso le 18 e l'ultimo contatto risaliva alle 20, quando aveva [...]
Cronaca
24 giugno - 09:22
La donna è stata uccisa a coltellate apparentemente senza alcun motivo da un uomo 34enne affetto da turbe psichiche. Come dimostrano i [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato