Contenuto sponsorizzato

Il sorpasso finisce male, urto tra due auto e un veicolo si cappotta. Una 19enne in ospedale

L'allerta è scattata in val Rendena. Alla base dell'incidente ci sarebbe un sorpasso azzardato. In azione la macchina dei soccorsi, una 19enne trasportata in ospedale

Pubblicato il - 19 febbraio 2021 - 16:16

PINZOLO. Momenti di paura in val Rendena, due auto si sono scontrate e un mezzo è finito ruote all'aria. Una ragazza di 19 anni è stata trasferita all'ospedale.

 

L'allerta è scattata intorno alle 13 di oggi, venerdì 19 febbraio, lungo la strada che collega Pinzolo e Madonna di Campiglio.

 

L'incidente è avvenuto alle porte del centro abitato di Madonna di Campiglio poco dopo l'hotel Fontanella.


Secondo le prime informazioni, ci sarebbe un sorpasso azzardo sarebbe alla base dell'incidente. Una manovra finita male: un urto tra due veicoli e una vettura si è rovesciata in mezzo alla carreggiata.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, ambulanza, vigili del fuoco di Madonna di Campiglio e polizia locale per effettuare i rilievi, ricostruire la dinamica e gestire il traffico.


Le forze dell'ordine hanno isolato e messo in sicurezza l'area, mentre i pompieri hanno liberato la conducente rimasta incastrata nell'abitacolo. Una volta estratta, la 19enne è stata affidata alle cure del personale sanitario

 

Fortunatamente solo tanta paura e qualche botta, anche se la giovane è stata trasferita all'ospedale di Tione per accertamenti e approfondimenti.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 7 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
07 dicembre - 21:01
L’assessora Stefania Segnana invia una lettera alle sindache per promuovere una maggiore adesione alla maratona vaccinale, appellandosi al loro [...]
Cronaca
07 dicembre - 18:29
Dopo la segnalazione arrivata al nostro giornale ieri da Pergine, un lettore ci segnala la stessa problematica anche al centro vaccinale di [...]
Cronaca
07 dicembre - 20:34
A lanciare l'allarme i familiari che non hanno visto l'escursionista rientrare a casa. Attivi gli operatori del soccorso alpino delle stazioni [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato