Contenuto sponsorizzato

Macabro ritrovamento in Alto Adige, un cadavere affiora dal fiume. Indagini in corso

L'allerta è scattata intorno a mezzogiorno di oggi, venerdì 1 gennaio 2021, all'altezza dell'inceneritore di Bolzano. E' stato trovato un corpo senza vita lungo la riva del fiume. In azione le unità di Protezione civile, vigili del fuoco e personale sanitario. Indagini in corso dei carabinieri

Pubblicato il - 01 January 2021 - 12:56

BOLZANO. Un macabro ritrovamento in Alto Adige, un cadavere è stato trovato nel fiume Isarco.

 

L'allerta è scattata intorno a mezzogiorno di oggi, venerdì 1 gennaio 2021, all'altezza dell'inceneritore di Bolzano

 

E' stato trovato un corpo senza vita su un isolotto lungo il fiume. Un cadavere che non è ancora stato identificato.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono portate le unità della Protezione civile e l'equipe medica. In azione anche i vigili del fuoco del capoluogo altoatesino.

 

Le indagini per ricostruire l'identità della persona ripescata dalle acque del fiume e la dinamica sono affidate ai carabinieri di Bolzano.

 

In questo momento l'area è completamente isolata e messa in sicurezza. Le operazioni sono in corso e le unità di soccorso effettuano anche alcune ispezioni sul fondale per recuperare ulteriori dettagli.

 

QUI AGGIORNAMENTO

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 January - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 January - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 January - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato