Contenuto sponsorizzato

Mais avvelenato su un terreno agricolo: decine di animali morti. Si teme che il veleno ora possa entrare nella catena alimentare dei predatori

E' successo nella zona di Gazzo Veronese su un terreno agricolo. Sono state trovate carcasse di nutrie ma anche lepri, volpi, fagiani, aironi e anatre

Pubblicato il - 19 gennaio 2021 - 18:05

VERONA. Decide e decine di animali morti avvelenati. E questo quello che hanno trovato le forze dell'ordine a Gazzo Veronese su un terreno agricolo.

 

La vicenda è stata portata alla luce in queste ore. Secondo le ultime informazioni, un agricoltore avrebbe deciso di spargere sul terreno mais e veleno per liberarsi dalle nutrie e provocando così, però, la morte di tantissimi altri animali.

 

Polizia Provinciale, Protezione Civile, Comune, Polizia Municipale, consorzio di bonifica e volontari sono al lavoro per rimuovere il veleno che si trova sui terreni e nei canali. Un campione è già stato inviato all'istituto zooprofilattico.

 

Sono numerose le carcasse di animali trovate. Nutrie ma anche lepri, volpi, fagiani, pesci, aironi e anatre. Sul posto si stanno recando anche il Presidente della Provincia, Manuel Scalzotto, e il Comandante della Polizia Provinciale, Anna Maggio.

 

Il luogo si trova poco distante dalla Palude del Busatello, Zona di Protezione Speciale e Sic (Sito d'Importanza Comunitaria), frequentata da numerosi animali selvatici.

 

Si teme che il veleno ingerito da diversi animali possa entrare nella catena alimentare dei predatori, tra i quali i rapaci. In parallelo sono iniziate le attività per accertare il responsabile o i responsabili. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 febbraio - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 febbraio - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
24 febbraio - 20:01

E' situata all’ospedale riabilitativo “Villa Rosa” di Pergine Valsugana e dispone di 14 posti letto, 1 palestra, 2 piscine, 1 laboratorio di analisi del movimento, 1 centro di valutazione domotica e addestramento ausili e 1 sezione dedicata alla riabilitazione robotica. Ecco in cosa consiste il centro e di cosa si occuperà

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato