Contenuto sponsorizzato

Non ce l'ha fatta Federico Costantino, nove giorni fa era rimasto vittima di un incidente sugli sci. E' morto nelle scorse ore all'ospedale Santa Chiara

Sabato scorso stava scendendo con gli sci per una strada forestale che dalla Val Contrin arriva al rifugio Ciampac. Dopo averne perso il controllo e dopo un salto di diversi metri si sia schiantato a terra in mezzo al bosco

Pubblicato il - 17 gennaio 2021 - 08:24

CANAZEI. Non ce l'ha fatta purtroppo Federico Costantino, lo scialpinista che il 9 gennaio ha impattato violentemente contro un albero mentre scendeva con gli sci dalla Val Contrin per tornare a casa (QUI L'ARTICOLO) .

 

E' morto ieri pomeriggio nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale Santa Chiara di Trento dove era ricoverato dal giorno dell'incidente in gravi condizioni.

 

Il dramma era avvenuto il sabato della scorsa settimana. Federico stava scendendo con gli sci per una strada forestale che dalla Val Contrin arriva al rifugio Ciampac, a una quota di 1700 metri circa. Da una prima ricostruzione, pare che abbia perso il controllo degli sci e che, dopo un salto di diversi metri, si sia schiantato a terra in mezzo al bosco.

 

L'allarme è stato lanciato da alcune persone che si trovavano nelle vicinanze e che hanno sentito l'infortunato invocare aiuto. Elitrasportato all'ospedale Santa Chiara le sue condizioni si sono rivelate molto gravi.

 

Federico Costantino ha lottato per la vita sette giorni ma ieri purtroppo è arrivata la terribile notizia. A soli 40 anni lascia la moglie e due figli piccoli. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 marzo - 18:56

Ha frequentato una scuola di moda e dopo un periodo di gavetta, la 25enne è rimasta senza occupazione a causa della crisi innescata dall'emergenza Covid-19 ma non si è persa d'animo. Cecilia Bianchi: "Lavoravo in un negozio di tendaggi ma vista la situazione difficile mi sono ritrovata a casa. A quel punto ho iniziato a riflettere sul mio futuro con maggiore forza e ho deciso di rimettermi in gioco con energia con una mia attività"

05 marzo - 17:58

Il presidente della Provincia conferma che a livello di classificazione non cambia nulla rispetto alla passata settimana nonostante l'Rt sia in crescita e l'incidenza sia tra le più alte d'Italia e sia la terza peggiore per occupazione delle terapie intensive

05 marzo - 18:25

L'Alto Adige guida la campagna di vaccinazione in Italia, con oltre 68mila dosi somministrate. E mentre si attende di dare il via per le forze dell'ordine, nel fine settimana si raggiungeranno i 10mila tra il personale scolastico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato