Contenuto sponsorizzato

Pedopornografia online, un indagato pure in Trentino. Sul Dark web le immagini di violenze sessuali subite da bambini, talvolta anche neonati

Grazie alle indagini, condotte anche sotto copertura, è stata ricostruita l’intera rete di persone che si scambiavano su internet, foto e video di atti sessuali tra adulti e minori, violenze sessuali subite da bambini e, talvolta, anche contenuti pedopornografici con neonati. Sequestrati 250mila file

Pubblicato il - 22 settembre 2021 - 10:29

TRENTO. La Polizia ha concluso un’importante operazione per smantellare una rete di persone che si scambiavano materiali pedopornografici in rete. Complessivamente ci sono stati 13 arresti e 21 denunce a piede libero per divulgazione, cessione e detenzione di materiale pedopornografico. Fra questi un provvedimento restrittivo è stato notificato anche a una persona residente in Trentino.

 

Le indagini, durate più di un anno e mezzo, sono state condotte sotto la direzione della Procura di Palermo, mentre le operazioni sono state condotte con il supporto delle procure di Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Milano, Napoli, Pescara, Reggio Calabria, Roma, Torino e Trento.

 

Grazie alle indagini, condotte anche sotto copertura, è stata ricostruita l’intera rete di rapporti, tra cittadini italiani e stranieri, che detenevano e scambiavano su internet, foto e video di atti sessuali tra adulti e minori, violenze sessuali subite da bambini e, talvolta, anche contenuti pedopornografici realizzati con neonati. In totale si è proceduto al sequestro di più di 250mila file. L’indagine ha preso il via dall’attività di monitoraggio online su canali di file sharing, piattaforme di chat e nel Dark web. 

 

I poliziotti sotto copertura si sono introdotti all’interno di canali online, considerati dagli indagati affidabili, e sono riusciti a individuare le utenze da dove erano collegati i soggetti che poi sono stati fermati in 13 diverse regioni italiane. Il meticoloso lavoro sotto copertura, unito a sopralluoghi, pedinamenti e osservazioni, per accertare abitudini e frequentazioni degli indagati, ha consentito di raccogliere elemento preziosi per le indagini.

 

Nelle abitazioni degli indagati sono stati sequestrati dagli investigatori della Postale numerosi dispositivi informatici, utilizzati anche per la conservazione dei file, talvolta occultati in contenitori di uso comune, come provette e confezioni per farmaci. Tutti i supporti contenenti materiali pedopornografici sono stati controllati sul posto in questo modo sono scattati gli arresti in flagranza di reato. In altri 21 casi, gli operatori hanno denunciato gli indagati a piede libero a vario titolo, per reati sempre connessi alla pornografia minorile.

 

Come capita spessa, sottolinea il comunicato, i profili dei soggetti coinvolti variano per età ed estrazione sociale. Si va dal lavoratore autonomo al lavoratore dipendente, da chi possiede un titolo di studio di base al laureato. Sotto il profilo internazionale sono ancora in corso accertamenti per condividere con le forze dell’ordine degli altri Paesi i dati raccolti, così come è tuttora in corso l’analisi delle immagini e dei frame del materiale sequestrato, nel tentativo di dare un nome alle piccole vittime di abusi, per consentirne la messa in sicurezza e l’avvio di idonei percorsi di recupero.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 26 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 maggio - 19:13
Se da una parte i negozianti lamentano un calo della clientela nei giorni del concerto, a causa anche delle strade chiuse e [...]
Società
28 maggio - 19:02
La 37enne di Arco Francesca Morghen realizza prodotti con le copertine della celebre rivista, con cui ora è nata una collaborazione. Le [...]
Cronaca
28 maggio - 18:28
Da metà pomeriggio sono in azione i corpi dei vigili del fuoco in gran parte del territorio. A Trento, in via Brescia, un'auto è rimasta bloccata [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato