Contenuto sponsorizzato

Precipitato con l'auto per 100 metri è uscito dal veicolo ma è rimasto bloccato: trovato in stato di ipotermia Gelindo, scomparso mercoledì sera

Sarebbe proprio questa la ragione per la quale Spillari non è riuscito a chiamare i soccorsi dopo l'incidente, passando quindi la notte all'addiaccio: emergono nuovi particolari sulla vicenda

Di Filippo Schwachtje - 25 novembre 2021 - 19:02

CALCERANICA AL LAGO. Gelindo Spillari era riuscito ad uscire dal suo veicolo dopo esser finito fuori strada, ma è scivolato nella vegetazione senza riuscire a tornare all'auto, dove aveva lasciato il cellulare, per lanciare l'allarme. A riportare nuovi dettagli sul ritrovamento del 45enne scomparso ieri sera (24 novembre) da Lavarone (Qui Articolo) è il comandante dei vigili del fuoco di Caldonazzo Diego Campregher.

 

Sarebbe proprio questa il motivo per cui Spillari non è riuscito a chiamare i soccorsi dopo l'incidente, passando quindi la notte all'addiaccio mentre le ricerche si erano inizialmente concentrate nella zona di Lavarone, per poi spostarsi verso l'area di Calceranica nella giornata di oggi (25 novembre).

 

Il cellulare del 45enne era infatti stato individuato ma, come spiegano i pompieri, la cellula telefonica di riferimento è piuttosto ampia. I soccorritori si sono quindi messi al lavoro per individuare Spillari prima che fosse troppo tardi, riuscendo ad identificare il suo veicolo questo pomeriggio verso le 16 e 30.

 

L'auto del 45enne era uscita di strada sotto la via degli Altipiani, nei boschi proprio al di sopra dell'abitato di Calceranica, precipitando per un centinaio di metri in mezzo agli arbusti. Quando Spillari è stato ritrovato, raccontano i soccorritori, era ancora cosciente seppur in stato di ipotermia e con lievi ferite.

 

Al momento le autorità stanno lavorando per la rimozione del veicolo. Dopo il ritrovamento e le prime cure prestate sul posto dal tecnico di elisoccorso e dall'equipe medica, verricellata direttamente sul luogo dell'incidente, il 45enne è stato stabilizzato e imbarellato, per poi esser spostato in una zona più aperta per permettere il recupero dell'uomo. Le operazioni di ricerca hanno coinvolto molte personale sia dei vigili del fuoco, che delle forze dell'ordine che del soccorso alpino.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 7 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
08 dicembre - 11:54
Sono 95 i pazienti che si trovato ricoverati nei normali reparti ospedalieri. Salgono a 72 quelli presenti nelle strutture private convenzionate e [...]
Cronaca
08 dicembre - 11:10
Durante la maratona vaccinale le prime dosi somministrate sono state al di sotto le aspettative, sono ancora più di 70mila persone senza vaccino. [...]
Cronaca
08 dicembre - 11:48
La 19enne Veronica Tarchini è morta sul colpo dopo essere rimasta coinvolta in un terribile frontale, l’amica che viaggiava con lei è in gravi [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato