Contenuto sponsorizzato

Va in ospedale e il figlio le occupa casa costringendola poi a dormire altrove. Madre vittima da dieci anni di aggressioni fisiche e verbali, intervengono i carabinieri 

L'uomo, 47enne, è stato rintracciato e fermato dai carabinieri e ora si trova in carcere a Verona. Le indagini sono iniziate nel corso del 2020. Gli episodi incresciosi avevano raggiunto il culmine quando, in una circostanza, il figlio aveva addirittura aggredito fisicamente la madre, colpendola con uno schiaffo e causandole 20 giorni di prognosi

Pubblicato il - 16 February 2021 - 12:40

VERONA. Costretta a subire dal figlio violenze verbali e fisiche ma anche una vera e propria occupazione dell'abitazione. Un incubo per una donna a cui i Carabinieri hanno posto fine con l'arresto di un 47enne.

 

L'uomo, residente a Valeggio sul Mincio ma di fatto senza fissa dimora, divorziato, disoccupato, ora si trova al carcere di Verona.

Le indagini svolte dai Carabinieri sono iniziate nel mese di marzo 2020 quando militari avevano appurato che una donna subiva maltrattamenti da circa dieci anni.
 

Continue richieste di denaro da parte del figlio (tossicodipendente e alcolista) che, in caso di inottemperanza, lo portavano a distruggere qualsiasi tipo di oggetto presente in casa.

 

Le richieste e le relative consegne di denaro erano pressoché quotidiane e avevano causato un grave danno economico alla donna, nonché un forte stato d’ansia. Inoltre, a seguito di un momentaneo allontanamento da casa per motivi sanitari, la donna aveva dovuto assistere inerme all’occupazione della sua abitazione da parte del figlio che si era anche rifiutato di restituirle le chiavi, prendendo di fatto possesso del suo appartamento e costringendola ad andare a vivere altrove.

 

Gli episodi incresciosi avevano raggiunto il culmine quando, in una circostanza, il figlio aveva addirittura aggredito fisicamente la madre, colpendola con uno schiaffo e causandole 20 giorni di prognosi.

Raccolti quindi una serie di inconfutabili elementi in merito alle gravi condotte poste in essere dall'uomo, i carabinieri hanno chiesto e ottenuto dall’Autorità Giudiziaria, nel mese di maggio 2020, un provvedimento di allontanamento dalla casa familiare e conseguente divieto di avvicinarsi alla madre. Per tali fatti, inoltre, è stato successivamente condannato a due anni e undici mesi di reclusione, nonché 2 mila euro di multa per i reati continuati di rapina aggravata ed estorsione, commessi dall’anno 2010 al maggio 2020 in danno della madre.
 

A seguito di tale condanna, l’Ufficio Esecuzioni Penali del Tribunale di Verona ha inviato l’ordine di esecuzione per la carcerazione ai Carabinieri di Valeggio sul Mincio che, dopo alcuni giorni di ricerche e di appostamenti, hanno rintracciato e tratto in arresto il 47enne.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 29 novembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
29 novembre - 19:00
Secondo la presidente del Comitato per la legalità e la trasparenza ed ex consigliera comunale a Rovereto, molti cittadini lamenterebbero tempi [...]
Cronaca
29 novembre - 20:00
Trovati 64 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 31 guarigioni. Sono 53 i pazienti in ospedale. Sono 836.703 le dosi di [...]
Cronaca
29 novembre - 19:02
I centri vaccinali dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari saranno aperti in via eccezionale dalle 6 alle 24 per una vera e propria [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato