Contenuto sponsorizzato

Dall'alluvione nelle Marche causata dalle “scie chimiche” Nato a Samantha Cristoforetti che “non esiste”: la fiera del complotto continua sui social

Dopo il nubifragio che ha interessato le Marche negli scorsi giorni, e che è costato la vita a 11 persone, sul web ha iniziato a circolare una teoria che vedrebbe in qualche modo responsabile, manco a dirlo, la Nato. Nelle ultime settimane però la fiera del complotto sui social non ha risparmiato nemmeno Samantha Cristoforetti

Di Filippo Schwachtje - 20 settembre 2022 - 13:34

TRENTO. La terribile alluvione nelle Marche? Per il nuovo complotto sui social il responsabile, manco a dirlo, è la Nato. La 'teoria' relativa al disastro che solo pochi giorni fa è costato la vita a 11 persone vedrebbe infatti al centro di tutto un velivolo Nato che, due giorni prima delle violente precipitazioni che hanno interessato il centro Italia, avrebbe circolato più volte nei cieli delle Marche, modificando artificialmente (secondo i sostenitori della tesi) le condizioni meteorologiche. Nelle ultime settimane però, la fiera del complotto sui social non ha risparmiato nemmeno l'astronauta trentina Samantha Cristoforetti, che secondo qualcuno addirittura “non esisterebbe”. Ma procediamo con ordine.

 

Per quanto riguarda la teoria in merito alla “creazionedell'alluvione nelle Marche, come riportato anche dal team di Bufale.Net: “Nasce tutto dall'osservazione di un volo su Flightradar, alla sezione Playback”. Un volo che, passando nei cieli delle Marche due giorni prima del nubifragio, avrebbe in qualche modo “modificato” il clima attraverso l'utilizzo delle sempreverdi scie chimiche. “Scie chimiche peraltro tardive – continuano da Bufale.Net –: e come per ogni volta che abbiamo affrontato la teoria del complotto delle scie chimiche, ci tocca rilevare come le 'chemtrails' dovrebbero essere un fenomeno occulto e pilotato dai poteri forti, mentre invece sembrerebbe bastare un'app sul cellulare per renderlo palese”.

 

Dall'esame della stazione di partenza e arrivo e il tipo di aereo usato: “Possiamo chiaramente identificare un volo di circa sei ore e mezzo di un Boeing E-3A Sentry – dice il team anti-bufale – partito dalla stazione di Geileinkirchen verso la stazione di Konya. Un volo Awacs (Nato airborne early warnings and control) relativo al sistema di sorveglianza e precauzione aerea del Patto Atlantico, ovviamente basato sul sorvolo dei territori del Patto Atlantico con Boeing muniti di radar Doppler. Equipaggiamento del tutto inadatto alla bizzarra teorie delle scie chimiche, ma del tutto adatto a mantenere un'attività di sorveglianza dello spazio aereo”.

 

Al di là dei complotti, come aveva spiegato negli scorsi giorni a il Dolomiti l'ingegnere ambientale e membro di Meteo Trentino Alto Adige Giacomo Poletti (Qui Articolo), alla formazione della fortissima perturbazione che ha colpito le Marche hanno contribuito una serie di condizioni fisiche, tra le quali anche le temperature altissime delle acque del Mar Mediterraneo, che testimoniano gli effetti sempre più importanti del surriscaldamento globale.

 

La fantasia di chi condivide bufale online però, come anticipato, ha preso di mira nelle scorse settimane anche l'astronauta trentina Samantha Cristoforetti, confermata solo pochi giorni fa come prossima comandante della Stazione spaziale internazionale, la prima donna italiana (ed europea) ad ottenere la carica. Ecco, quella stessa Samantha Cristoforetti, un grande esempio soprattutto per molti giovani donne in Italia e nel mondo, secondo qualcuno addirittura “non esisterebbe”. La “teoria” (se così si può definire) aveva iniziato a circolare sui social agli inizi di settembre, quando la pagina Facebook “Abolizione del suffragio universale” aveva condiviso lo screenshot di una serie di commenti nei quali un utente riportava come l'astronauta trentinanon esistesse” e fosse invece “interpretata da diverse attrici”. Motivazioni ed eventuali responsabili non sono ovviamente chiari, ma si tratterà senza dubbio dei poteri forti. Come sempre.

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 5 ottobre 2022
Telegiornale
05 ott 2022 - ore 21:56
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
06 ottobre - 12:47
I Verdi dell'Alto Adige chiedono alla Provincia di Bolzano e alla Regione di ribadire il secco ''no'' all'opera: ''Già nel 2019 il Consiglio [...]
Cronaca
06 ottobre - 11:18
Il gruppo Athesia che ha a disposizione una macchina editoriale rodata, con esperienza plurisecolare, gioca d'anticipo rispetto alle categorie [...]
Montagna
05 ottobre - 18:47
Fare il medico di base in montagna è faticoso ma allo stesso tempo gratificante. Di questo, ne è convinto anche Damiano Xavier Marasca, che ha [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato