Contenuto sponsorizzato

Per un pugno di selfie sul lago ghiacciato. In 14 salvati in acqua a Braies, il sindaco: ''C'era chi aveva tacchi e gonna, vengono in montagna ma pensano di essere in spiaggia''

L'Amministrazione comunale di Braies ha già adottato diverse misure di sicurezza ma spesso vengono ignorate. “Abbiamo fatto un'ordinanza, messo i cartelli con i divieti e ci sono anche le transenne. Le persone ignorano tutto" spiega a ilDolomiti il sindaco Friedrich Mittermair

Di Giuseppe Fin - 19 April 2022 - 11:14

BRAIES. “Così non si può andare avanti, ci sono persone che vengono qui e pensano di essere in spiaggia”. Queste le parole rilasciate a ilDolomiti dal sindaco di Braies, Friedrich Mittermair, in merito agli incidenti avvenuti in questi giorni di festa che hanno visto almeno 14 persone soccorse sul lago ghiacciato in soli due giorni dopo aver ignorato i vari divieti che sono posizionati lungo le sponde. Tra queste anche una mamma con un bimbo di soli quattro mesi, finiti entrambi in acqua.

 

Il bimbo è stato, poi, elitrasportato d'urgenza all'ospedale di Innsbruck e fortunatamente le sue condizioni sarebbero in netto miglioramento. Quel che è certo è che su quel ghiaccio, a metà aprile poi, con il caldo di questi giorni, non ci si doveva andare, ma la ''fame'' di selfie e la voglia di immortalare ogni momento, specie in contesti scenografici particolarmente rinomati (come la splendida cornice del lago di Braies ancora parzialmente ghiacciato), per qualcuno ha prevalso sulle più banali regole del buonsenso (oltre che sui divieti).  

 

Dalle immagini e dai video girati durante i salvataggi si possono ben capire le condizioni del ghiaccio presente nel lago. Questo, però, come detto, non ha fermato i tanti turisti finiti poi nell'acqua gelida. 

 

 

“Ne abbiamo viste di tutti i colori – ci ripete il sindaco – sarebbe difficile riuscire ad elencare tutte le situazioni che ci sono successe. Le persone qui arrivano in montagna e pensano di essere al mare, in spiaggia”.  

 

 L'Amministrazione comunale di Braies ha già adottato diverse misure di sicurezza ma spesso vengono ignorate. “Abbiamo fatto un'ordinanza – ci dice Friedrich Mittermair -  messi i cartelli con le scritte che riportano il pericolo nel finire sul ghiaccio, ci sono anche le transenne. Abbiamo fatto di tutto ma è difficili, le persone che arrivano ignorano tutto, passano vicino alla segnaletica  e nemmeno la guardano”. 

 

E di casi ce ne sono stati molti in questo fine settimana. Già a partire da venerdì, ci spiega il sindaco di Braies, alcune persone hanno chiesto aiuto. “Abbiamo trovato una signora in gonna corta e i tacchi bloccata in un sentiero ghiacciato che ha poi chiamato il 112 per essere soccorsa. E' una cosa da non credere davvero”. 

 

Dopo gli ultimi incidente si è cercato di delimitare ulteriormente il lago ma a poco serve se da parte delle persone si ignorano i divieti e si arriva addirittura a scavalcare le transenne. “Ci vorrebbe la polizia sul posto tutto il giorno. Ma è impossibile” conclude il sindaco. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 25 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
26 giugno - 11:11
Gli esperti di Meteotrentino confermano che tra oggi e domani (lunedì 27 giugno) le condizioni rimarranno sostanzialmente stabili sul territorio [...]
Cronaca
26 giugno - 11:58
Lo scontro è stato molto violento, l’automobile è stata colpita su un fianco. Le conseguenze più gravi sono per il motociclista, disarcionato [...]
Montagna
26 giugno - 11:16
Attualmente F43 si trova in una zona compresa tra Campi (di Riva del Garda), Ville del Monte e il comune di Tenno, a pochi chilometri di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato