Contenuto sponsorizzato

Sequestrata con la figlia di 8 anni dentro la camera del B&B: salvata dal marito-carceriere grazie a un messaggio all’amica

Arrivati in caserma la donna ha dato sfogo a un drammatico racconto di due anni di violenze fisiche, minacce e maltrattamenti da parte del marito. L’uomo è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di sequestro di persona aggravato e maltrattamenti in famiglia

Pubblicato il - 23 giugno 2022 - 10:34

VERONA. Fortunatamente ha avuto il sangue freddo di approfittare di un momento di distrazione riuscendo a inviare una richiesta d’aiuto all’amica per salvare se stessa e la figlia dal marito violento. La vicenda è avvenuta nella zona di Pescantina, in provincia di Verona, dove, stando a quanto riportato dai carabinieri, una mamma è stata sequestrata assieme alla figlia di soli 8 anni in una camera di un Bed and Breakfast a Verona.

 

Il marito infatti, che è anche il padre della bambina, aveva rintracciato la moglie e dopo averla picchiata l’aveva rinchiusa assieme alla figlia nella camera del B&B. La donna però è riuscita a chiedere aiuto a un’amica inviando un messaggio con il cellulare che le era stato tolto. L’amica a quel punto ha allertato i carabinieri di Pescantina che assieme ai colleghi di Verona sono intervenuti per liberare madre e figlia, ancora chiuse a chiave dentro la camera.

 

Il marito violento invece è stato fermato alla reception. “Arrivata in caserma – si legge nella nota diramata dai militari – la 43enne ha dato sfogo a un drammatico racconto di due anni di violenze fisiche, minacce e maltrattamenti da parte del marito che l’avevano addirittura obbligata, a inizio anno, a trasferirsi insieme alla figlia e all’insaputa dell’uomo, in un’altra abitazione”.

 

Ciononostante la donna, costretta con la forza e dietro minaccia, è stata obbligata a tornare a casa con l’uomo. Da qualche giorno la 43enne era riuscita nuovamente a trovare insieme alla bambina un’altra sistemazione, ospite da amici, fin quando anche in questa circostanza è stata raggiunta con l’inganno dal marito e costretta, dopo essere stata aggredita e minacciata di morte, a consegnargli il proprio cellulare e a seguirlo in quella camera del B&B che sarebbe poi diventata una prigione.

 

L’uomo è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di sequestro di persona aggravato e maltrattamenti in famiglia, oltre che essere stato denunciato per violenza privata e per le lesioni aggravate provocate alla donna. Ora si trova rinchiuso nella casa circondariale di Montorio.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 25 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
26 giugno - 22:45
Dopo una mattinata dedicata alle celebrazioni di San Vigilio, l'evento clou della Disfida in piazza Fiera con la vittoria dei Gobj. [...]
Politica
26 giugno - 20:34
L'ex presidente della Pat: “Sulle Comunità di valle retromarcia definitiva, tutto resta come prima, in questi giorni altra retromarcia [...]
Società
26 giugno - 20:04
"Francesco e l'autismo" è una pagina nata a marzo scorso con l'intento di mostrare le attività quotidiane del bambino, dalle recite scolastiche [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato