Contenuto sponsorizzato

Venti milioni per riqualificare l'area ex Sit, dalla nuova stazione autocorriere ai percorsi ciclabili e spazi verdi. Ianeselli: "Occasione per recuperare il rapporto città-fiume"

Sono diversi i punti compresi nel "Metaprogetto" per la riqualificazione dell'area ex Sit. Le potenzialità della zona riguardano anche l'interscambio modale, di connessione tra reti di mobilità e tra i luoghi della città. Il sindaco: "In altre parole? Nuova stazione autocorriere, valorizzazione della rete ciclabile cittadina, parcheggi pertinenziali, spazi verdi, depositi per le bici, servizi per la mobilità (biglietterie, noleggio bici, micro mobilità elettrica), esercizi pubblici"

Di Francesca Cristoforetti - 11 April 2022 - 19:39

TRENTO. Potenziamento ed estensione del centro intermodale della città, quindi la zona delle stazioni, valorizzazione della rete ciclabile cittadina e un nuovo spazio verde, il tutto nell'area ex Sit e dintorni. Questi sono soltanto alcuni degli del “Metaprogetto”, lo strumento metodologico impostato per affrontare, coerentemente con i principi della transizione ecologica, il processo di riqualificazione e rigenerazione della città di Trento.

 

"Lo scorso gennaio, quando ne avevo annunciato con troppo anticipo la futura realizzazione - dichiara il sindaco di Trento Franco Ianeselli - il progetto era stato giudicato ammissibile dal Ministero dell’Interno ma per esaurimento dei fondi l’opera non era stata ancora finanziata. Ora i fondi sono stati stanziati e possiamo proprio esserne soddisfatti: si tratta di 20 milioni di euro per un vero e proprio intervento di rigenerazione urbana, che prevede il potenziamento e l’estensione del centro intermodale principale della città sull’area ex Sit".

 

 

Le potenzialità dell’area ex Sit riguardano il ruolo di snodo di percorsi ciclabili e pedonali esistenti e di progetto, di interscambio modale, di connessione tra reti di mobilità e tra i luoghi della città, di occasione del recupero del rapporto città-fiume.

 

"Ultimo ma non per importanza - prosegue Ianeselli - l’ex Sit si trova vicino al fiume Adige, una posizione determinante per poter sanare almeno in parte lo storico distacco del 1858 e recuperare il rapporto della città con il suo fiume".

 

Il progetto prevede la ricollocazione della stazione delle autocorriere, il collegamento con il Monte Bondone, la valorizzazione della rete ciclabile cittadina, il parcheggio pertinenziale, un nuovo spazio verde, una fermata del tram, un punto informazioni, un deposito biciclette, servizi per la mobilità (biglietti, prenotazioni, assistenza biciclette, noleggio biciclette, micromobilità elettrica, ricarica veicoli elettrici), un percorso di collegamento con la stazione treni sia in superficie che in interrato, esercizi pubblici per valorizzare il nuovo affaccio sul fiume e garantire il presidio della zona e la bonifica dei suoli.

 

 

I diversi orizzonti temporali

 

L’ex Sit è una delle aree che maggiormente potranno beneficiare degli effetti del  “Progetto integrato” e quindi dell’interramento del tratto cittadino della ferrovia. Data questa prospettiva, risulta evidente che l’intervento che si sta sviluppando su questa zona deve considerare orizzonti temporali differenti. Si possono definire tre scenari dei quali i primi due sviluppano il progetto nella prospettiva di perseguire lo scenario ultimo che contempla l’interramento della ferrovia mantenendo comunque funzionalità autonoma.

 

 

L’iter del finanziamento

 

Nel giugno 2021 il Comune di Trento ha trasmesso al Dipartimento per gli Affari interni e territoriali del Ministero dell’Interno una domanda di finanziamento a valere sul Dpcm del 21/1/2021 recante “Assegnazione ai comuni di contributi per investimenti in progetti di rigenerazione urbana, volti alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale”. Il finanziamento richiesto, dell'importo di 20 milioni di euro, riguarda un intervento di rigenerazione urbana dell'area ex Sit finalizzata alla realizzazione di un Hub di interscambio dellla mobilità.

 

Il decreto prevedeva che l’attribuzione del finanziamento venisse effettuata sulla base di una graduatoria basata sul valore dell’indice di vulnerabilità sociale e materiale (Ivsm).

In base a tale criterio la domanda del Comune è stata giudicata ammissibile al finanziamento con Decreto 30/12/2021 ma, per esaurimento dei fondi stanziati, allora non era stata finanziata.

Con Decreto 04/04/2022 sono stati finanziati tutti i progetti ammessi con il precedente decreto, tra i quali anche il progetto del Comune per un importo di 20 milioni. Il decreto di finanziamento prevede l'impegno da parte del Comune ad ultimare l'opera entro il 31 marzo 2026.

 

 

Le collaborazioni

 

La costruzione della “vision” della trasformazione urbanistica delle aree ferroviarie liberate a seguito della realizzazione del progetto dell’interramento della ferrovia esistente, per il tratto che attraversa il centro urbano, si sta realizzando anche in collaborazione con Fs Sistemi Urbani s.r.l., società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane che ha il compito di valorizzare il patrimonio del Gruppo non funzionale all’esercizio ferroviario. Tale collaborazione deriva dai protocolli sottoscritti da Comune di Trento, Pat e Rfi del 2018 e 2019, relativi all’attuazione del “Progetto integrato”, in cui era prevista anche l’elaborazione delle linee guida per lo sviluppo di un piano di assetto complessivo del territorio interessato dalla progettazione ferroviaria.

 

Nell’ottica del percorso di costruzione degli scenari di cambiamento e rigenerazione della città, si prevede inoltre di avvalersi della collaborazione di professionalità specializzate nei percorsi partecipativi. Data la trasversalità dei temi affrontati, questa collaborazione è stata impostata assieme al Servizio Cultura, Turismo e Politiche giovanili e all’Ufficio Comunicazione del Comune.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 28 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
30 giugno - 15:12
L'incidente è avvenuto in val Venosta: un impatto tra un'auto e un mezzo pesante. Un bambino di 5 anni è stato trasportato all'ospedale di Bolzano
Ambiente
30 giugno - 13:23
Il mare è entrato nel fiume Po per 30 km e non era mai successo: record del cuneo salino.  Oggi l'Osservatorio crisi idriche [...]
Economia
29 giugno - 16:52
In seguito alla decisione della Russia di tagliare le forniture di gas all'Italia, i prezzi della materia prima sono schizzati alle stelle: ciò [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato