Contenuto sponsorizzato

La madre morta da settimane nel letto, di fianco il marito gravemente denutrito: in casa con loro il figlio, indagato e trasferito in Psichiatria. Orrore ad Aprica

La vittima è la 91enne Anna Maria Squarza, originaria di Verona e da diversi anni ad Aprica, in un appartamento all'interno di una palazzina del centro, insieme al marito (90 anni) e al figlio sessantenne. Secondo le ricostruzioni dei vicini, i due anziani non uscivano mai di casa mentre il figlio ha sempre avuto un atteggiamento schivo. Le indagini della Procura stanno proseguendo

Di F.S. - 14 aprile 2024 - 10:55

SONDRIO. Una donna, la 91enne Anna Maria Squarza, trovata senza vita nel suo letto, morta presumibilmente da diverse settimane e coperta con un lenzuolo; di fianco a lei il marito, 90enne, gravemente denutrito e con un'evidente cancrena alla gamba (che rischia di perdere): in casa con loro, con la televisione accesa, il figlio sessantenne, ora indagato e trasferito nel reparto di Psichiatria dell'ospedale di Sondrio. Sono questi, al momento, gli elementi certi del dramma di Aprica (località montana della Valtellina), dove negli scorsi giorni i carabinieri hanno rinvenuto il cadavere dell'anziana in avanzato stato di decomposizione all'interno dell'appartamento nel quale i tre, originari del Veronese, vivevano da diversi anni, dopo essersi trasferiti durante l'emergenza pandemica.

 

L'allarme è scattato nella serata di venerdì quando i carabinieri, allertati dai vicini per il forte odore proveniente dall'appartamento, sono entrati in azione. “Non c'è bisogno che entriate, è tutto a posto” sarebbero state le parole del figlio della coppia alle richieste dei militari, che una volta all'interno hanno fatto la macabra scoperta. Nessuno era stato avvisato della morte di Anna Maria Squarza (secondo le prime informazioni, il decesso sarebbe come anticipato avvenuto diverse settimane fa) mentre il marito, di fianco a lei nel letto, è stato portato in ospedale in condizioni gravissime. Per il figlio della coppia le accuse sono abbandono di incapace e occultamento di cadavere: il 60enne è stato portato in caserma dagli investigatori nella mattinata di ieri, dove è stato interrogato, per poi essere trasferito al nosocomio sondriese.

 

Le autorità nel frattempo hanno posto sotto sequestro l'appartamento all'interno del quale si è verificato il dramma in attesa dei risultati dell'autopsia disposta sul corpo della 91enne. Secondo quanto riportato, i vicini avrebbero confermato che i due anziani non uscivano mai di casa, precisando come il figlio abbia invece sempre avuto un atteggiamento schivo, solitario. Ora starà alla Procura di Sondrio ricostruire esattamente quanto accaduto.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
14 giugno - 18:52
Confesercenti della Lombardia Orientale lancia l'allarme in vista della nuova stagione: “Occorre però un salto di qualità anche nella [...]
altra montagna
14 giugno - 19:31
Zero voti. Questo è il dato da cui partire per analizzare l’esperienza elettorale di Luca Mercalli, noto climatologo e divulgatore scientifico [...]
Cronaca
14 giugno - 18:35
La 24enne nonesa dopo la straordinaria vittoria sui 10 chilometri in pista è stata festeggiata dalle massime autorità sportive e politiche. [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato