Contenuto sponsorizzato

Addio a Renzo Mosna, storico fruttivendolo di piazza Vittoria

Fatale un malore avvenuto nella tarda mattinata di oggi. Figlio di una umile famiglia contadina di Gardolo, Mosna aveva aperto nel 1979 il punto vendita in piazza Lodron, prima di spostarsi nell'attuale chiosco di piazza Vittoria

Pubblicato il - 29 settembre 2017 - 16:42

TRENTO. Si è improvvisamente spento oggi Renzo Mosna, classe 1952 e storico commerciante di frutta e verdura di Trento.

 

Fatale un malore nella tarda mattinata, quando Mosna ha accusato alcuni giramenti di testa: nonostante il rapido intervento dell'ambulanza e il trasporto all'ospedale Santa Chiara, il 65enne però non ce l'ha fatta.


Figlio di una umile famiglia contadina di Gardolo, Mosna aveva aperto nel 1979 il punto vendita in piazza Lodron, prima di spostarsi nell'attuale chiosco di piazza Vittoria

 

Gran lavoratore e sempre gentile, Mosna inizia a lavorare già a quattordici anni nella famiglia cooperativa di Gardolo, quindi passa alle Aziende Agrarie dove si mette in mostra per la grande versatilità. 


La svolta arriva tra gli anni 1978 e 1979, quando, dopo queste esperienze, prima si sposa con Paola, infermiera del Santa Chiara molto conosciuta e apprezzata da pazienti e medici, quindi si mette in proprio e apre il negozio in centro, e per finire diventa padre di Mattia, tipografo alla Saturnia.

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 marzo - 19:16

Nuovi riscontri alla diffusione della variante inglese in Provincia, dopo il caso dei dipendenti della Cassa Rurale della Val di Fiemme anche 15 dipendenti di una fabbrica di Trento sono stati contagiati dalla stessa mutazione. Ferro: “La variante inglese ha una grande capacità di contagio soprattutto nei luoghi chiusi”

04 marzo - 19:19

Sbarcati con un verricello di 20 metri tecnico di elisoccorso, soccorritore e medico, non è restato che constatare il decesso dell'uomo

04 marzo - 18:00

Le misure che entreranno in vigore sono del tutto simili a quelle che vennero adottate per i Comuni di Cembra Lisignago, Castello Tesino, Bedollo e Baselga di Pinè. L'ordinanza rimarrà in vigore fino al 19 marzo 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato