Contenuto sponsorizzato

Addio a Renzo Mosna, storico fruttivendolo di piazza Vittoria

Fatale un malore avvenuto nella tarda mattinata di oggi. Figlio di una umile famiglia contadina di Gardolo, Mosna aveva aperto nel 1979 il punto vendita in piazza Lodron, prima di spostarsi nell'attuale chiosco di piazza Vittoria

Pubblicato il - 29 settembre 2017 - 16:42

TRENTO. Si è improvvisamente spento oggi Renzo Mosna, classe 1952 e storico commerciante di frutta e verdura di Trento.

 

Fatale un malore nella tarda mattinata, quando Mosna ha accusato alcuni giramenti di testa: nonostante il rapido intervento dell'ambulanza e il trasporto all'ospedale Santa Chiara, il 65enne però non ce l'ha fatta.

Figlio di una umile famiglia contadina di Gardolo, Mosna aveva aperto nel 1979 il punto vendita in piazza Lodron, prima di spostarsi nell'attuale chiosco di piazza Vittoria

 

Gran lavoratore e sempre gentile, Mosna inizia a lavorare già a quattordici anni nella famiglia cooperativa di Gardolo, quindi passa alle Aziende Agrarie dove si mette in mostra per la grande versatilità. 

La svolta arriva tra gli anni 1978 e 1979, quando, dopo queste esperienze, prima si sposa con Paola, infermiera del Santa Chiara molto conosciuta e apprezzata da pazienti e medici, quindi si mette in proprio e apre il negozio in centro, e per finire diventa padre di Mattia, tipografo alla Saturnia.

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 settembre - 05:01

Ieri l'incontro in Quinta Commissione provinciale tra i rappresentanti del Consiglio del sistema educativo e il direttore del dipartimento prevenzione dell'Apss. Sul tavolo anche le questioni sollevate da il Dolomiti sui tempi che si allungano per sapere l'esito dei tamponi per gli studenti (e si traducono in lunghi isolamenti anche per i genitori) e i test antigenici. Ecco cosa è emerso

30 settembre - 10:39

E' successo nella zona di Romeno e sul posto si sono portati i vigili del fuoco, un'ambulanza e i carabinieri per i rilievi. Fortunatamente il motociclista non ha riportato gravi ferite

30 settembre - 10:00

L'amministrazione comunale ,in una nota, ha ricordato che la temperatura massima interna della casa prevista dalla legge è di 20 gradi centigradi: temperature più basse peggiorano il comfort mentre a ogni grado in più di temperatura interna dell’aria corrisponde, ovviamente, un maggior consumo di combustibile

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato