Contenuto sponsorizzato

Aveva messo a segno una rapina a mano armata all'Admiral, rinviato a giudizio l'autore del colpo da quasi 7 mila euro

I fatti risalgono alle 3.30 di venerdì 8 aprile 2016. Coperto in volto, il rapinatore aveva puntato una pistola alla dipendente rimasta sola per farsi dare l'incasso

Pubblicato il - 05 September 2017 - 16:36

CAVALESE. E'stato rinviato a giudizio l'uomo, residente in Val di Fiemme, ritenuto responsabile di aver messo a segno una rapina a mano armata nella sala giochi Admiral di Cavalese in via Dossi 3.  

 

I fatti sono avvenuti intorno alle 3.30 di venerdì 8 aprile del 2016, quando l'uomo, coperto in volto, prima si è avvicinato alla giovane dipendente rimasta sola, poi le ha puntato contro una pistola intimandole di consegnarle l'incasso, pari a 6.830 euro, e quindi si è dileguato. 

 

Al termine di prolungate attività investigative condotte dal dipendente Nucleo Operativo coordinate dal dottore Marco Gallina, hanno consentito di raccogliere tutta una serie di pregnanti indizi di carattere probatorio, che hanno portato al rinvio a giudizio dell'uomo residente in Val di Fiemme, ritenuto responsabile del colpo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 March - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 March - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

08 March - 19:50

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna la Pat ha organizzato un incontro con tanti interventi: “Non aspettate che un uomo cambi. Gli uomini violenti non cambieranno. Denunciate, non siete sole. Denunciate per la vostra libertà, i vostri figli e la vostra serenità. Non abbiate paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato