Contenuto sponsorizzato

In centinaia al 54esimo pellegrinaggio degli Alpini in Adamello

Il prossimo l'organizzazione sarà affidata alla sezione di Trento. Pinamonti: "Abbiamo portato un messaggio di pace e ricordato chi  ha sacrificato la propria vita"

Pubblicato il - 30 luglio 2017 - 12:35

TRENTO. Sono state centinaia le penne nere che ieri hanno preso parte al 54esimo pellegrinaggio degli Alpini in Adamello. Un momento molto importante celebrato ogni anno per ricordare le vittime di tutte le guerre e in particolare di quelle del primo conflitto mondiale

 

Organizzato in alternanza dalle sezioni di Trento e della Val Camonica, a quest'ultima è stata affidata l'iniziativa di quest'anno. Il ritrovo è stato al Passo Lagoscuro dopo l'attraversamento dei sentieri utilizzati dagli alpini durante la Prima Guerra Mondiale. Successivamente alla cerimonia civile, la messa celebrata dal cardinale Giovanni Battista Re, con la partecipazione del coro in congedo della Nrigata alpina Tridentina.

“Dal Trentino – ha spiegato il presidente degli Alpini Maurizio Pinamonti – abbiamo fatto tre colonne attraversando percorsi non facili. Alcuni sono partiti giovedì. Anche quest'anno il messaggio che abbiamo voluto portare è stato quello della pace oltre a ricordare le persone che hanno sacrificato la loro vita”. 

Il prossimo anno saranno le penne nere trentine che oltre ad essere impegnate con l'Adunata dovranno poi anche occuparsi dell'organizzazione del pellegrinaggio.

 

“Sarà un anno molto impegnativo – ha concluso Pinamonti – ma anche molto importante per il centenario della Grande Guerra”. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 18:52

Gli affari non girano nemmeno con le promozioni messe in campo con il "Black Friday" e tanti negozianti trentini si trovano in difficoltà. "Le persone hanno paura, non sono serene nel fare gli acquisti e questo sta avendo delle conseguenze disastrose su tutto il tessuto economico" ci dicono 

27 novembre - 19:40

Anche oggi, come quasi sempre negli ultimi giorni, si è verificato il sorpasso dei guariti rispetto ai nuovi contagiati trovati 

27 novembre - 18:46

Il presidente ha spiegato che, non domani, ma sabato 5 dicembre potrebbero tornare aperti i negozi e i centri con metratura superiore ai 240 metri quadri e sulle seconde case: ''A Natale dovrebbe essere tutta Italia zona gialla e quindi se la legge resta questa si potrà circolare tra le regioni''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato