Contenuto sponsorizzato

Dalla Provincia 35 milioni di euro ai comuni: serviranno per compensare il minor gettito Imis

Il minor gettito Imis deriva dal fatto che l'imposta non si applica agli immobili di proprietà degli enti strumentali della Provincia

Pubblicato il - 25 agosto 2017 - 14:26

TRENTO. Sono cento gli enti locali che beneficeranno dei 35 milioni di euro che la Provincia di Trento ha deciso di stanziare per compensare, a favore dei comuni, il minor gettito Imis che deriva dal fatto che l'imposta non si applica - oltre ad altri casi - agli immobili di proprietà degli enti strumentali della Provincia.

 

L'imposta immobiliare semplice è stata istituita, per la provincia di Trento, con la legge finanziaria provinciale 2015 (L.P. finanziaria del 2014 per il 2015 - n. 14/2014), anno in cui è entrata in vigore. La norma chiarisce che l'imposta non si applica agli immobili "posseduti da stato, regioni, province, comuni, comunità....consorzi tra questi enti...loro enti strumentali, enti del servizio sanitario nazionale e aziende sanitarie, a qualsiasi fine destinati o utilizzati".

 

L'Imis ha sostituito l'Imup che invece si applicava agli immobili degli enti strumentali. Per i comuni sul cui territorio si trovano immobili di proprietà degli enti strumentali della Provincia si è quindi determinato un minor gettito fiscale. Per questo è stato adottato questo provvedimento di compensazione, che era previsto dal Protocollo d'intesa in materia di finanza locale per il 2017.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 11:41

I tamponi analizzati sono 1530. I pazienti covid19 ricoverati in ospedale sono 16 e a questi si aggiunge una persona che si trova in terapia intensiva 

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
20 settembre - 11:26

Sul posto sono intervenuti immediatamente i vigili del fuoco, il soccorso alpino e i sanitari. E' successo sul sentiero del “Tracciolino”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato