Contenuto sponsorizzato

E' scomparso Matteo Bonifacio. Lutto all'Università di Trento

Era professore aggregato del Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell'Informazione (DISI) dell’Università di Trento. Il Rettore Collini: "Una persona, un docente e un intellettuale che dava con generosità, passione ed entusiasmo e aveva ancora molto da dare"

Di gf - 27 July 2017 - 10:16

TRENTO. "Una perdita grave per l'Ateneo e per tutta la comunità scientifica” Queste le prime parole del Rettore Paolo Collini, appena appresa la triste notizia della scomparsa di Matteo Bonifacio, professore aggregato del Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell'Informazione (DISI) dell’Università di Trento.

 

Classe 1970, Bonifacio avrebbe compiuto 47 anni l'8 agosto. È entrato all’Università di Trento nel 2005 in qualità di ricercatore in Scienze Organizzative e poteva già vantare un curriculum di qualità e molteplici interessi. È stato docente di diversi corsi di Innovazione e Imprenditorialità alla laurea magistrale di Informatica e di Ingegneria dell’Informazione delle Comunicazioni.

 

“Conoscevo Matteo personalmente – ha affermato Collini - da quando era studente a Venezia e mi legava e mi lega comunque a lui un affetto antico. Una mente straordinariamente brillante. Una persona, un docente e un intellettuale che dava con generosità, passione ed entusiasmo e aveva ancora molto da dare. Il fatto che ci abbia lasciato in così giovane età è una tragedia enorme e desidero, a nome mio personale e di tutta la comunità accademica, esprimere la nostra vicinanza a Milena, a tutta la famiglia di Matteo e a tutti coloro che gli volevano bene".

 

Il docente ha fatto parte del gruppo di Policy Developer presso la Commissione Europea DG Educazione e Cultura per lo sviluppo dell’Istituto Europeo di Tecnologia (EIT), occupandosi di attività di valutazione per lo sviluppo dell’Istituto Europeo delle Tecnologie. È stato visiting researcher presso la Cambridge Judge Business School, dove ha tenuto conferenze sulla politica europea della ricerca e della tecnologia. Fino al marzo 2005 è stato Program Manager presso l'ITC-IRST (Istituto per la Ricerca Scientifica e Tecnologica, ora Fondazione Bruno Kessler) nell'area del Knowledge Management, dove è stato il responsabile per l'elaborazione della strategia di ricerca.

 

Presso il DISI, ha partecipato a numerosi progetti di ricerca europei e più recentemente ha svolto il ruolo di coordinatore del progetto Civis finanziato dal programma FP7, che ha esplorato come la dinamica sociale potrebbe portare a conseguire un'efficienza energetica più elevata e più sostenibile. È stato coordinatore locale delle attività di Innovazione e Imprenditorialità dei percorsi Master di EIT Digital e membro del gruppo Europeo sulla educazione imprenditoriale di EIT Digital.

 

Tra i professori più vicini a Bonifacio c'è Maurizio Marchese, docente del DISI e prorettore allo sviluppo internazionale. “Con Matteo – spiega - abbiamo lavorato insieme a molti progetti di ricerca e di didattica innovativa. Condividevamo un forte rapporto professionale e di amicizia. I suoi interessi di ricerca si sono concentrati in particolare su nuovi metodi pedagogici per favorire la creatività, nell'innovazione sociale, nell'epistemologia scientifica e nell'intelligenza artificiale. Il suo contributo intellettuale e umano mancherà tantissimo sia al gruppo di ricerca che agli studenti dei suoi corsi”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 February - 05:01

Secondo alcune stime, procedendo con questo ritmo, il Trentino completerà la campagna vaccinale dopo l’estate del 2023. Il ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Padova: “L’impressione è che alcuni territori abbiano già raggiunto il limite giornaliero di dosi che riescono a somministrare”. Intanto dai portali nazionali le somministrazioni di AstraZeneca sarebbero ferme, in Trentino, ma non è così: ecco perché  

24 February - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 February - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato