Contenuto sponsorizzato

Furto di auto a Gardolo. La richiesta di aiuto su Facebook per ritrovarla

Il furto sarebbe avvenuto questa notte ed è stato denunciato questa mattina  

Pubblicato il - 19 settembre 2017 - 10:11

TRENTO. Furto di auto durante la notte a Gardolo in via Silvio Pegoretti. Si tratta di una Alfa Giulietta nera, targata “EP667JE”.

 

L'auto era stata parcheggiata ieri sera nell'apposito garage e questa mattina ad attendere i proprietari la brutta sorpresa. “Dalle immagini di una telecamera – spiega la proprietaria Luana Boso – si vede che il furto è avvenuto attorno all'1.20 di questa notte. Sono entrati senza scassinare il garage e sembra quasi che sapessero già dove si trovavano le chiavi. E' stata presa stranamente la Giulietta pur essendoci a fianco una Porsche Macan".


Immediatamente è stata fatta la denuncia e su Facebook è stato lanciata una richiesta di aiuto per ritrovare il mezzo.

 

Per chi avesse informazioni contatti le forze dell'ordine

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 febbraio - 05:01

Secondo alcune stime, procedendo con questo ritmo, il Trentino completerà la campagna vaccinale dopo l’estate del 2023. Il ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Padova: “L’impressione è che alcuni territori abbiano già raggiunto il limite giornaliero di dosi che riescono a somministrare”. Intanto dai portali nazionali le somministrazioni di AstraZeneca sarebbero ferme, in Trentino, ma non è così: ecco perché  

24 febbraio - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 febbraio - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato