Contenuto sponsorizzato

Gli sfugge la mototroncatrice che lo colpisce al collo. In ospedale lavoratore di Bacini Montani

L'incidente è avvenuto a un 33enne vicino a Sover. L'uomo stava lavorando a delle briglie di consolidamento lungo il Rio Brusago

Pubblicato il - 19 settembre 2017 - 19:00

BEDOLLO. Ha rischiato grossissimo un giovane di 33 anni che stava lavorando lungo il Rio Brusago. Il ragazzo, dipendente del servizio dei Bacini Montani della Provincia, stava lavorando in un cantiere del servizio per degli interventi di consolidamento a monte della strada provinciale a pochi chilometri di distanza da Sover.

 

Il giovane stava lavorando, pare con una mototroncatrice, a delle briglie di consolidamento quando lo strumento gli è sfuggito e lo ha colpito a poche centimetri dal volto, precisamente al collo. Subito ha cominciato a perdere molto sangue. La scena abbastanza truculenta ha spaventato non poco gli alti lavoratori che immediatamente hanno chiamato i soccorsi. Sul posto si sono precipitati i sanitari che sono intervenuti anche con l'elisoccorso e in supporto sono arrivati anche i vigili del fuoco di Bedollo.

 

Quando si è capito che si trattava di un infortunio sul lavoro sono stati mandati, oltre ai carabinieri, anche il personale della Provincia per accertare la dinamica di quanto accaduto. Il giovane è stato quindi elitrasportato al Santa Chiara, fortunatamente, non in condizioni critiche anche se aveva perso molto sangue.   

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 marzo - 08:08

Ieri sera il Consiglio di amministrazione di Upipa ha di fatto sfiduciato la presidente Francesca Parolari. All'origine della frattura la mancata comunicazione al Cda del progetto che ha portato alla riapertura delle visite ai famigliari in 5 Rsa. La presidente rivendica l'autonomia delle strutture

09 marzo - 09:34

Altri 9 nuovi casi di variante sudafricana sono stati rilevati in Alto Adige. A comunicarlo è l'Azienda sanitaria altoatesina, che ne annuncia il rilevamento anche nel capoluogo

09 marzo - 08:52

Lo ha ammesso il giovane dopo il ritrovamento del corpo della madre nelle acque dell'Adige. Tutta la vicenda è iniziata il 4 gennaio a seguito di una discussione, il giovane ha ucciso prima il padre e poi la madre 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato