Contenuto sponsorizzato

Gruppo di scialpinisti beccato a risalire le piste a impianti chiusi. Le Funivie di Campiglio chiedono aiuto ai carabinieri

E' sempre più diffusa questa pratica vietata dalla legge. L'intervento dei militari ha permesso di individuare e sanzionare sei persone e nei prossimi giorni i controlli proseguiranno

Pubblicato il - 03 March 2017 - 12:39

MADONNA DI CAMPIGLIO. Scialpinisti che a piste chiuse risalgono i pendii normalmente usati dagli sciatori. Ne sono stati beccati 6 sulle piste di Campiglio mentre in gruppo stavano risalendo la pista di collegamento "le grotte". Si trattava di tre belgi e tre italiani. Ad intervenire i militari della stazione carabinieri di Madonna di Campiglio, dipendente dalla Compagnia Carabinieri di Riva del Garda, che, come ogni anno stanno effettuando una serie di controlli sulle piste da sci con i propri servizi di vigilanza e soccorso, sotto il coordinamento del Comando Provinciale di Trento.

 

L’attenzione dei militari, negli ultimi giorni, si è concentrata sugli scialpinisti. L’attività, oltre che vietata, risulta particolarmente pericolosa, perché alla chiusura degli impianti il personale di “Funivie Madonna di Campiglio.” inizia le operazioni di ripristino delle aree sciabili con utilizzo dei “gatti delle nevi”. Proprio i “gattisti”, tecnici specializzati nella guida di questi mezzi, nei giorni scorsi hanno segnalato “l’invasione” notturna di scialpinisti, fenomeno in forte espansione.

 

Gli immediati controlli hanno consentito ai militari di verificare l’esistenza del problema e hanno sanzionato i sei escursionisti, tre turisti del Belgio e tre italiani, che in gruppo stavano risalendo la pista di collegamento “le grotte”. La collaborazione con “Funivie” ha consentito di poter intervenire e per i prossimi giorni, fino a fine stagione la collaborazione continuerà per effettuare attività di prevenzione. Funivie inoltre sta provvedendo ad attivare dei percorsi paralleli alle piste, per consentire questo genere di attività, sempre più apprezzata, ma con modalità di sicurezza.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 January - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

28 January - 09:58

Sul rientro in Italia lo zio Gianni Forti spiega: "Chico è in carcere da oltre 20 anni e una condanna simile come quella che ha avuto lui non c'è in Italia. E' una situazione abbastanza fumosa”

27 January - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato