Contenuto sponsorizzato

"Il parco del Monte Baldo Patrimonio dell'Umanità", la proposta alla Comunità di Valle Alto Garda e Ledro

Secondo gli estensori, questo parco meriterebbe di essere sull'albo d'oro delle meraviglie dell'universo mondo perché  "rappresenta un  unicum naturalistico a cui si aggiunge l’importanza di questa montagna come via maestra dei cacciatori paleolitici"

Pubblicato il - 31 agosto 2017 - 12:43

RIVA DEL GARDA. Il gruppo consiliare di Obiettivo Comunità, della Comunità Alto Garda e Ledro, ha presentato una mozione un po' ambiziosa, chiedere al presidente Mauro Malfer e agli altri membri dell'esecutivo di inoltrare una domanda a chi di dovere per ottenere l'inserimento del Parco Naturale del Monte Baldo tra le bellezze mondiali tutelate dall'Unesco.

 

Secondo gli estensori, questo parco meriterebbe di essere sull'albo d'oro delle meraviglie dell'universo mondo perché  "rappresenta un  unicum naturalistico a cui si aggiunge l’importanza di questa montagna come via maestra dei cacciatori paleolitici".  

 

Addirittura, spiegano i consiglieri, in quelle zone si aggirava anche l'Uomo di Neanderthal. "Nelle ricerche archeologiche svolte infatti dai professori Domenico Nisi e Bernardino Bagolini nei primi anni ’70, si è potuto individuare un itinerario di caccia stagionale, battuto nel tempo sia dall’Uomo di Neanderthal ( 40.000 anni fa) sia dagli uomini del Paleolitico Superiore (12.000 anni fa) che ha permesso la prima antropizzazione dell’areale   alpino dell’attuale Trentino­ Alto-Adige"

 

"L’archeologo Nisi - scrivono i consiglieri - in una recente conferenza internazionale a Ottawa in Canada, ha illustrato come il Monte Baldo sia stato in epoca preistorica una vera e propria 'pista', tesi questa sostenuta in   base ai suoi stessi rinvenimenti e confermata da altri ricercatori".  

 

"Alla fine dell’ultima Glaciazione di Wurm (15.000 anni fa) i cacciatori paleo­mesolitici, seguendo le piste degli animali (stambecchi e camosci) che inseguivano il ritiro dei ghiacciai salendo in quota alla ricerca delle praterie perinivali, sono penetrati nell’attuale Trentino ­Alto-Adige, proseguendo con gli ultimi cacciatori mesolitici, fino al Monte Similaun (Val Senales) dove è stata rinvenuta la famosa Mummia dei Ghiacci, Oetzi".  

 

"Proprio questo ritrovamento - continuano entusiasti Marco Bottesi, Emanuela Lorenzi, Andrea De Guelmi e Nicoletta Donati - conferma che anche i pastori del neolitico (5.500 anni fa) hanno continuato questo tradizionale itinerario per le loro transumanze ed  i pastori odierni ancora lo utilizzano.  La colonizzazione umana di tutto l’areale trentino-­tirolese sarebbe perciò iniziata dal Baldo".

 

L'impegno che questi amministratori chiedono al loro presidente è quello di "portare questa proposta a tutti i Comuni/Enti che fanno parte del Parco Naturale Locale del Monte Baldo". Poi, semmai dovessero dire sì, "predisporre tutta la documentazione" da inviare all'Unesco per il riconoscimento del Monte Baldo e della sua 'Via Preistorica' quale Patrimonio Mondiale dell’Umanità.
 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 marzo - 05:01

In Alto Adige l'Azienda sanitaria ha denunciato i partecipanti alla messa in scena dove si consiglia di utilizzare vitamina Ce D, estratti di erbe e si parla di buona respirazione e sana alimentazione mentre si mette tra virgolette la parola vaccini anti Covid. Tra loro anche il dottor Cappelletti. Il presidente dell'Ordine del Trentino: ''Decisamente stupito per una presa di posizione così contraria alle raccomandazioni che la classe medica dovrebbe dare in questa fase. Così si confonde la popolazione''

02 marzo - 20:08

Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicato 1 decesso. Sono 61 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

02 marzo - 19:51

In Italia il 54% dei contagi è legato alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. A Brescia, per la prima volta, isolata quella nigeriana. L’Iss: “In un contesto in cui la vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di mutazioni a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguate”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato