Contenuto sponsorizzato

La scuola primaria Schmid sarà ampliata. Ospiterà anche le classe della Bellesini

L'intervento permetterà al Comune di riqualificare nei prossimi anni l'edificio che oggi ospita le Bellesini dove saranno poi trasferiti gli uffici della circoscrizione Centro Storico Piedicastello. Nel corso della prossima primavera partiranno i lavori che dureranno 450 giorni

Pubblicato il - 13 giugno 2017 - 19:07

TRENTO. Prenderanno il via la prossima primavera i lavori di ampliamento della scuola primaria Schmid. Un intervento importante nato dalla necessità di riordino patrimoniale avviata negli scorsi anni dal Comune di Trento e che, in questo caso, permetterà di ospitare cinque classi della scuola primaria Bellesini. Quest'ultima che si trova in via Stoppani, diventerà nei prossimi anni, dopo un percorso di riqualificazione, la nuova sede degli uffici della circoscrizione Centro Storico Piedicastello.

 

“E' un intervento di riordino – ha spiegato l'assessore Italo Gilmozzi – per lasciare alcuni spazi dove il Comune è in affitto e riutilizzare strutture di proprietà. L'intervento consentirà anche di non lasciare una sola sezione alle Bellesini ma di riunire tutte le sezioni in un'ottica di opportunità didattico pedagogica”.

 

La scuola Schmid è attualmente per tre sezioni, con 15 aule normali, 10 aule speciali, mensa di 234 metri quadri con cucina per pasti autonomi, spazi per attività complementari e locali per disbrigo e servizi igienici ed è dotata di spazi per l'attività fisica con palestra di tipo A2, piscina, spogliatoi ed annessi locali di servizio.

 

Al primo piano della palestra trova collocazione la centrale termica, il locale UTA per la struttura sportiva ed il locale tecnico per il trattamento dell'acqua della piscina.

 

Il progetto prevede la realizzazione di un ampliamento con incremento delle aule didattiche e conseguente aumento dello spazio per la mensa scolastica in funzione del nuovo numero dei commensali.

 

L’intervento riguarda la costruzione di due nuovi volumi in adiacenza all’edificio esistente.

Gli stessi saranno collocati in punti contrapposti della struttura in corrispondenza del blocco aule Nord Est e del blocco mensa ad Ovest.

 

In un primo volume saranno accolte le cinque classi provenienti dalle scuole “Bellesini”. Ci saranno a disposizione circa 3.000 metri cubi e disporrà anche di tre aule speciali. Verranno inoltre localizzati anche due blocchi di servizi (uno per piano) e spazi distributivi.

 

Il collegamento della nuova struttura con quella esistente garantirà che gli alunni delle nuove cinque classi utilizzeranno anche le altre aule speciali e le attrezzature comuni già presenti nella scuola, e viceversa per gli attuali utenti.

 

Il secondo volume in ampliamento che s’intende costruire riguarda l’ampliamento della mensa scolastica. Questo nuovo volume è un corpo basso a un piano che si addossa alla mensa esistente e diventa un prolungamento della stessa.

 

L’intervento è completato, infine, con la reazzazione di tre nuove scale esterne.

 

Sintetizzando si passerà ad avere 21 aule normali, 13 aule speciali, una mensa di 273 metri quadri con cucina, più locali servizi, fermi restando gli spazi palestra e piscina con relativi spazi servizi e connettivi.

 

“Per l'intervento – hanno spiegato i tecnici – verranno utilizzati dei prefabbricati per rendere più veloci i lavori. L'obiettivo è anche quello di conseguire la certificazione energetica in classe A+ (risparmio energetico e gestionale). Il costo complessivo dei lavori è di circa 1,5 milioni di euro. L'opera sarà realizzata in 450 giorni. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 16:07

Si sono concluse con il ritrovamento di una serie di oggetti, inviati ai Ris di Parma, le ricerche dei sommozzatori del Nucleo speciale dei carabinieri. Nel fiume Adige, però, nessuna traccia di Peter Neumair. Novità importanti emergono intanto dalle indagini

27 febbraio - 13:30

Ecco cosa dice la bozza del nuovo dpcm che sarà valido fino al 6 aprile. La zona rossa diventa più rossa con la chiusura anche di parrucchieri e barbieri quella bianca sempre più una realtà (dopo il caso della Sardegna) e prevede la riapertura praticamente di tutto (bar, ristoranti, cinema e teatri senza coprifuoco alle 22) eccetto fiere, congressi, discoteche e stadi. Resta il divieto di spostamento tra regioni ma novità per i musei

27 febbraio - 14:56

Mentre a livello nazionale dal 6 al 13 marzo sarà portata avanti questa importante iniziativa che si inserisce nella campagna più ampia ''Close the Gap – riduciamo le differenze'', e coinvolge le cooperative di consumatori, i soci, i dipendenti e i fornitori di prodotto a marchio, Coop Italia rilancia anche la petizione “Stop Tampon Tax – Il ciclo non è un lusso”. In Trentino la decisione se aderire o meno verrà presa lunedì

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato