Contenuto sponsorizzato

Pakistano denunciato per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Trasportava quattro connazionali a 100 euro l'uno

Fermato in entrata al Brennero trasportava quattro persone dirette a Verona che sono state poi riconsegnate alla polizia austriaca. Denunciato l'autista

Pubblicato il - 02 settembre 2017 - 13:14

BOLZANO. Nella giornata di ieri, nell’ambito dei servizi di controllo nella zona di frontiera anche in ingresso nel territorio nazionale, gli agenti del Commissariato di Brennero hanno denunciato un 42enne pakistano, residente in Lombardia e in regola con il permesso di soggiorno, per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

 

Alle ore 23.00 circa nei pressi dell’abitato di Brennero, gli agenti hanno fermato un veicolo con targa tedesca con cinque persone a bordo: all’esito del controllo solo il conducente risultava regolarmente soggiornante nel nostro territorio, mentre gli altri quattro erano privi di qualsiasi documento identificativo.

 

Condotti presso il Commissariato per ulteriori accertamenti, i quattro individui sono stati sottoposti ai rilievi fotodattiloscopici, da cui risultava che erano pakistani e provenienti dalla Germania (uno di essi era anche in possesso di richiesta asilo politico in quel Paese).

 

Il conducente ha poi confessato di aver ricevuto 100 euro da ognuno dei connazionali per portarli a Verona. Al termine l’uomo veniva denunciato per favoreggiamento immigrazione clandestina, venivano sequestrati 600 euro e la macchina utilizzata per il trasporto, mentre gli altri quattro sono stati riconsegnati alla polizia austriaca.

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 marzo - 08:08

Ieri sera il Consiglio di amministrazione di Upipa ha di fatto sfiduciato la presidente Francesca Parolari. All'origine della frattura la mancata comunicazione al Cda del progetto che ha portato alla riapertura delle visite ai famigliari in 5 Rsa. La presidente rivendica l'autonomia delle strutture

09 marzo - 06:26

La storia di un'anziana di Trento. In un primo momento è riuscita ad ottenere la vaccinazione a Borgo ma, in difficoltà nello spostarsi così lontano da casa, ha chiesto l'attivazione, tramite il medico di base, del Servizio della Cure Domiciliari. Simona Sforzin, direttrice alle Cure primarie dell'Azienda sanitaria spiega: ''A Trento la lista di attesa è di circa 200 persone, per la somministrazione di 10 vaccini servono circa 6 ore''

08 marzo - 18:37

Grigliata al parco dal retrogusto amaro per 25 giovani che sono stati sanzionati dai carabinieri per non aver osservato i Dpcm. Chiusa per 5 giorni e multata anche una gelateria che non rispettava le norme anti-Covid

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato