Contenuto sponsorizzato

Prestabici riapre i battenti in corso Buonarroti. Oltre al prestito anche i servizi di telai su misura e valutazione della postura

Per la nuova apertura tre giorni di iniziative. Ieri la presentazione del servizio posturale e dei telai in acciaio su misura. Oggi ci sarà la mostra in occasione dei 200 anni della bicicletta mentre domenica la possibilità di provare vari modelli di bici

Di Giuseppe Fin - 21 settembre 2017 - 22:12

TRENTO. Dalle semplici riparazioni al noleggio di bici ma anche l’opportunità offerta di un servizio di valutazione della propria postura e tanto altro.  Ottime notizie da Trento per gli appassionati delle due ruote. In corso Michelangelo Buonarroti 70 ha riaperto i battenti  “Prestabici” di Dimitri Tambosi.

 

Dopo un’esperienza in via Suffragio, Tambosi ha deciso di  cambiare scegliendo dei nuovi locali che si trovano all’inizio di corso Buonarroti che oltre ad offrire più spazio si trovano in una posizione strategica, essendo a pochi metri dalla pista ciclabile che costeggia il fiume Adige.

 

Il nuovo “Prestabici” è un vero e proprio regno per gli amanti della bicicletta che non si ferma solo all’officina o all’ampio e variegato servizio presta-bici ma punta, a breve, ad offrire la possibilità di realizzare dei veri e propri telai in acciaio su misura con il marchio anni’80 Tambosi.

“Il nostro obiettivo – ha piegato Dimitri – era quello di trovare uno spazio adeguato per offrire diversi servizi a chi è appassionato di bicicletta o a chi desidera anche solo per una giornata godersi la nostra città sulle due ruote”.

 

A disposizione ci sono ben 150 bici che possono essere noleggiate, suddivide in mezzi da città, elettriche e da corsa. “Nel 2017, fino ad oggi, siamo arrivati a circa 3 mila noleggi – spiega il titolare – e negli ultimi tempi si è verificata una crescita enorme delle bici elettriche”.

I prezzi sono abbordabili. Per una bici da città il noleggio di una giornata si aggira sui 15 euro mentre per 2 ore  si vanno a spendere 5 euro. Per una bici elettrica, invece, il costo giornaliero va dai 30 ai 45 euro mentre mezza giornata dai 20 ai 30 euro.

 

Questo servizio però, come già detto, non è l’unico. Il punto “Prestabici” avrà anche uno spazio ad hoc per il servizio posturale che sarà gestito da Massimo Strazzer, professionista nel mondo del ciclismo. Il servizio offre la valutazione della morfologia del piede, della pedalata, del posizionamento dei carichi e della mobilità articolare e tanto altro. Un sistema che offre all’utente l’assetto bici migliore.

C’è poi l’officina per la riparazione delle bici e il progetto, di cui abbiamo già parlato, che prenderà avvio a breve. “In collaborazione con Marco Anesi – ha spiegato Dimitri Tambosi – e quindi con l’artigianato locale, riusciremo ad offrire un nuovo servizio, quello di  produrre dei telai su misura in acciaio”.

 

Per inaugurare Prestabici si sono scelti 3 giorni di iniziative. Nella giornata di ieri è stato presentato il servizio posturale che verrà offerto in negozio e il servizio di telai su misura in acciaio. Oggi, invece, in occasione dei 200 anni della bicicletta, ci sarà una mostra temporanea di bici “Legnano” con bici e maglie in arrivo dal Museo del Ghisallo e dal Museo  di Gigi Fare e da Franco Giovanazzi. Una giornata che offrirà a tutti i visitatori anche uno scontro del 20% sui prodotti. Infine, per la giornata di sabato, dalle 10 alle 17 ci sarà il test delle  Mbt Fantic e e-city bike per gli spostamenti urbani. Non mancheranno anche in questi casi alcune scontistiche particolari sui mezzi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 17:33

I danni da masse nevose a causa della nebbia non sono ancora del tutto visibili, ma si teme che si siano verificati grossi danni. I geologi provinciale hanno riferito di frane in val Pusteria, val Badia, valle Isarco e Bassa Atesina

18 novembre - 16:31

Il personale di Veneto strada sta monitorando il territorio colpito da diversi smottamenti. Anche la frana di Schiucaz è seguito in tempo costante dopo gli smottamenti avvenuti nelle ultime ore 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato