Contenuto sponsorizzato

Rischio incendi, troppo caldo e poche precipitazioni: la Protezione civile invita alla prudenza e al rispetto delle regole

In merito a manifestazioni con fuochi d'artificio, la Protezione civile invita le amministrazioni locali, gli organizzatori e la cittadinanza alla massima prudenza e ad una valutazione attenta delle circostanze al fine di prevenire eventi pericolosi sul territorio

Pubblicato il - 22 June 2017 - 18:02

TRENTO. Prestare la massima prudenza e a segnalare con la massima tempestività eventuali focolai. Questo l'invito che arriva oggi dalla Protezione Civile e dal Corpo forestale  alla popolazione e alle istituzioni anche in relazione alle varie manifestazioni popolari che si terranno in questi giorni e nelle prossime settimane che prevedono l'accessione di fuochi d'artificio.

 

Pur avendo piovuto su buona parte del Trentino nei giorni scorsi, il caldo intenso e un'annata povera di neve e di precipitazioni, porta i pascoli e la vegetazione alpina a rischio d'incendio. 

Questi possono essere innescati per cause naturali - come può essere un fulmine che anticipa i frequenti temporali estivi - ma soprattutto a causa dei fuochi accesi dall'uomo, non opportunamente gestiti e controllati.

 

La Protezione civile, presente su tutto il territorio con oltre 200 corpi volontari dei vigili del fuoco, ricorda alle autorità locali, a tutti i cittadini e ai turisti che per difendere i boschi dagli incendi, tutelare l'ambiente e la sicurezza delle persone che vivono e frequentano la montagna, è necessario agire con prudenza.

 

La norme della Provincia autonoma - a cui tutti sono tenuti - vietano di bruciare stoppie e di accendere fuochi liberi, all'interno dei boschi e nelle immediate vicinanze, con l'eccezione per i punti fissi attrezzati e i fornelli opportunamente protetti.

 

“E' importante - sottolinea la Protezione civile del Trentino - richiamare tutti ad un comportamento attento e rispettoso di tutte quelle regole normative ma soprattutto di buon senso e diligenza, atte ad evitare l'insorgere di rischi di incendio, a fronte delle particolari condizioni meteorologiche ed ambientali attuali”.

 

Per quanto riguarda le manifestazione e i fuori d'artificio, come nel caso della imminente festività religiosa del 25 giugno, la Protezione Civile invita le amministrazioni locali, gli organizzatori e la cittadinanza alla massima prudenza e ad una valutazione attenta delle circostanze al fine di prevenire eventi pericolosi sul territorio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 March - 05:01

In Alto Adige l'Azienda sanitaria ha denunciato i partecipanti alla messa in scena dove si consiglia di utilizzare vitamina Ce D, estratti di erbe e si parla di buona respirazione e sana alimentazione mentre si mette tra virgolette la parola vaccini anti Covid. Tra loro anche il dottor Cappelletti. Il presidente dell'Ordine del Trentino: ''Decisamente stupito per una presa di posizione così contraria alle raccomandazioni che la classe medica dovrebbe dare in questa fase. Così si confonde la popolazione''

02 March - 20:08

Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicato 1 decesso. Sono 61 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

02 March - 19:51

In Italia il 54% dei contagi è legato alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. A Brescia, per la prima volta, isolata quella nigeriana. L’Iss: “In un contesto in cui la vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di mutazioni a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguate”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato