Contenuto sponsorizzato

Santa Chiara Open Lab, via al progetto

Approvata dalla Giunta comunale la partecipazione al bando del governo. Il progetto costerà 41 milioni, la metà arriverà da Roma

Conferenza stampa in Comune
Pubblicato il - 23 agosto 2016 - 11:55

TRENTO. Una parte di quei 500 milioni di euro che lo stato mette a disposizione per la riqualificazione urbana arriveranno anche a Trento. Il comune, infatti, parteciperà al bando promosso dal Consiglio dei ministri per un totale di 18 milioni di euro. Ad essere riqualificata sarà l'area del Santa Chiara, tra via San Giovanni Bosco, il parco cittadino e via Santa Croce, con particolare riferimento all'ex casa di riposo, all'ex mensa e della chiesa del Redentore.

 

La zona interessata dal ripristino risponde ai criteri del bando, sia per la questione legata alla marginalità sia per quanto riguarda il degrado edilizio. L'area è infatti utilizzata da persone in stato di marginalità sociale, senzatetto e tossicodipendenti, e gli edifici sono fatiscenti.

 

Il progetto, che sarà presentato dal Servizio Edilizia pubblica, si chiamerà 'Santa Chiara Open Lab'. “L'intento – è stato spiegato alla conferenza stampa della giunta comunale – è l'aumento della sicurezza reale e percepita e l'aumento della capacità di resilienza urbana”. Per Italo Gilmozzi, assessore al patrimonio, "sarà l'occasione per raggiungere un obiettivo che inseguiamo da tanti anni, la riqualificazione di un'area importante della città". 

 

 

"La scelta è ricaduta sull'area Santa Chiara - ha affermato ancora l'assessore Gilmozzi - perché abbiamo già il progetto esecutivo e questo ci permette di guadagnare 25 punti su 100 del progetto". 

 

Nel concreto, si tratta della ristrutturazione dell'ex casa di riposo in via San Giovanni Bosco, con la realizzazione della nuova sede degli uffici tecnici del comune, e del restauro dell'ex mensa del S.Chiara con la realizzazione della nuova sede degli Ordini di architetti e ingegneri, dell'Urban Center e del Centro giovani.

 

È previsto anche il restauro dell'edificio dell'ex Civica, che diventerà la nuova sede del Centro anziani e del nuovo nido interaziendale, e la ristrutturazione della chiesetta del Redentore.

 

All'interno del progetto anche l'iniziativa privata “Habitat” Spa, proposta che per il comune “riveste un interesse rilevante nell'economia del progetto”. La presenza di un privato “con un investimento a proprio carico rilevante”, come sottolinea il comune, potrà aumentare le probabilità di successo per l'ammissione al finanziamento. Nei giorni scorsi, a proposito della presenza dei privati all'interno del progetto, erano stati sollevati dubbi da parte di alcuni esponenti della minoranza, ma il comune precisa che il costo complessivo del progetto è di 41 milioni, 18 milioni finanziati attraverso il bando e destinati agli interventi pubblici e i restanti 23 milioni a carico dell'iniziativa privata.

 

Nei giorni scorsi, quando il Comune ha espresso la decisione di voler partecipare al bando nazionale, non sono mancate nemmeno alcune critiche da parte del mondo associativo in merito ai tempi stretti di partecipazione. "Serve chiarire  - ha spiegato Gilmozzi - che la gestione degli spazi sarà presa in considerazione non in questo bando ma in un secondo tempo e ad occuparsene saranno gli assessori Stanchina, Robol e Franzoia". 

 

Il prossimo 27 novembre il Comune di Trento saprà se potrà contare sui finanziamenti nazionali o meno. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 05:01

Sono arrivati nel bel mezzo della pandemia, quando gli ospedali cercavano disperatamente personale, ma i loro contratti durano solo pochi mesi: “Crediamo di aver dato tanto e ci aspettavamo un trattamento diverso, ora ho deciso di guardare altrove”. Così Apss perde i professionisti della prima linea contro il Covid

23 ottobre - 19:28

Al question time di Filippo Degasperi l'assessore ha risposto in maniera piuttosto fumosa. Lettera da Folgaria per chiedere maggiore trasparenza e spiegazioni: ''Penso che Failoni sia stato male informato dai suoi collaboratori o che forse si sia incautamente fidato dei propri interlocutori a Trento e a Folgaria. Altrimenti non avrebbe detto, leggendo la sua risposta, che “risulta in stato di avanzata attuazione” la raccolta di 2 milioni di euro avviata nella primavera scorsa''

24 ottobre - 09:49

Sono 1054 gli attuali contagi nel Bellunese, con 70 nuove positività registrate nelle ultime 24 ore. Crescono i numeri nella sola Cortina d'Ampezzo, dove gli infetti sono 140, ma il sindaco Gianpietro Ghedina rassicura: "Il 90% sono asintomatici". Un decesso all'ospedale di Feltre, era un 84enne ricoverato in pneumologia Covid

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato