Contenuto sponsorizzato

Sardagna, palla al centro. Dopo un mese di lavoro i profughi sfidano a calcio il Bondone

Nel tempo si sono instaurati legami di conoscenza e rispetto fra i rifugiati ospiti alle Caserme austro-ungariche di Viote e la Pro Loco Monte Bondone. Sembra che fra le fila della squadra dei rifugiati scenderanno in campo anche due professionisti nel loro paese di origine

Di Luca Andreazza - 27 ottobre 2016 - 20:23

TRENTO. Voci di corridoio narrano che questa sera a Sardagna due calciatori professionisti nel loro paese di origine si esibiranno fra le fila della squadra dei rifugiati e metteranno in scena tecnica, abilità e potenza fisica nella sfida contro le rappresentative di Sardagna e Sopramonte

 

Il progetto solidale Proloco Proworld ha infatti portato ad un legame di conoscenza e di rispetto, capace di far nascere l'idea di organizzare un evento finale per ritrovarsi ancora una volta insieme. Questo sarà lo spirito del triangolare amichevole fra la squadra dei rifugiati e la rappresentativa di Sardagna e Sopramonte previsto oggi con fischio d'inizio fissato alle 18 al campo sportivo di Sardagna.

 

"E' stata un'iniziativa positiva - spiega Sergio Costa, presidente della Pro Loco Monte Bondone - i ragazzi ospitati alle Caserme di Viote sono intervenuti e hanno prestato servizio in numerose aree. Grazie alla loro manodopera, gratuita per legge, sono state sistemate diverse zone che altrimenti non avrebbe curato nessuno".

 

Il progetto Proloco Proworld, organizzato dalla Pro Loco Monte Bondone in collaborazione con la Cooperativa AtasCinformiCroce Rossa Italiana e Consorzio Lavoro Ambiente volgerà al termine questo mese ed già tempo di bilanci. Il progetto ha visto 15 giovani richiedenti asilo coinvolti per un mese, con la supervisione di un team di soci della Pro Loco come capisquadra, in attività di risanamento e sistemazione di alcune aree del Monte Bondone. 

Dopo un mese di lavoro, i profughi in campo contro il Bondone

 

I rifugiati hanno ripristinato alcuni sentieri del Monte Bondone ormai impraticabili, imbiancato il sotto passo pedonale delle Rocce Rosse, sistemato le voliere alle caserme austro-ungariche delle Viote, pulito e tagliato l'erba in diverse zone di Vaneze e Viote.

 

"La partita di calcio a 7 è un momento di unione e condivisione - conclude il presidente - al termine di un percorso durato un mese che ha inoltre migliorato il biglietto da visita del Bondone e creato dei legami. Questo progetto è stato inoltre oggetto di un servizio di TelePace". 

 

Il tifo non mancherà, visto che bambini e signore ospitati alle Caserme scenderanno dalle Viote a Sardagna per sostenere la loro squadra e si saprà se ciò che si dice intorno alla presenza di giocatori professionisti sarà vero. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato