Contenuto sponsorizzato

Sbatte contro le rocce a Giovo. Una 20enne al Pronto Soccorso

Forse un colpo di sonno ha causato l'incidente avvenuto alle 5.30 di questa mattina nei pressi di Ceola. La vittima al Santa Chiara

Pubblicato il - 19 febbraio 2017 - 12:35

GIOVO. Verso le 5.30 di questa mattina, sulla Strada provinciale 612, prima dell'abitato di Ceola, un'automobile guidata da una ragazza di 20 anni è finita contro le rocce.

 

La parte anteriore del veicolo completamente distrutta, ferita la persona alla guida che viaggiava da sola. Forse un colpo di sonno, forse una distrazione, l'incidente non avrebbe comunque coinvolto altre vetture.

 

Sul posto, allertati immediatamente, i soccorsi: due ambulanze e il Corpo dei Vigili del fuoco di Giovo. Questi ultimi hanno estratto la vittima dall'abitacolo dell'automobile, portata poi al Pronto soccorso del Santa Chiara di Trento.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 agosto - 23:22

La consigliera provinciale del Patt interviene sul tema e spiega: ''Il fatto che non sia mai stata data risposta alle due interrogazioni che ho depositato, mi fa pensare che non si sia voluto farlo per non esplicitare dei dati che erano prevedibili''. Su tutti i numeri sui parti cesarei che a Cavalese sono i più alti della provincia nonostante i parti a rischio vengano trasferiti a Trento

21 agosto - 18:16

L'ex primo cittadino della città scaligera non risparmia nulla al leader della Lega, il responsabile della crisi di Ferragosto: "Salvini a lezione da Giuseppe Conte, che gli ha spiegato il senso delle istituzioni democratiche e di fronte al Paese lo ha inchiodato davanti alle sue responsabilità definendolo sleale, bugiardo, opportunista, assenteista e completamente ignaro dell'abc costituzionale"

21 agosto - 16:04

Salito in Piazza Dante senza biglietto da subito ha fatto resistenza ai verificatori che erano a bordo. Questi compreso che il ragazzo era in stato di alterazione e viste le tante persone a bordo (comprese famiglie con bambini) hanno chiamato le forze dell'ordine ed hanno atteso che il giovane tentasse di scendere prima di agire

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato