Contenuto sponsorizzato

Scoprire la città di Trento. Quattro nuovi percorsi tematici

L'iniziativa “Il Museo e la città. Itinerari tematici alla scoperta di Trento” promossa a partire dal prossimo 18 marzo dal Museo Diocesano Tridentino

Pubblicato il - 06 marzo 2017 - 12:25

TRENTO. La possibilità di conoscere la dinastia dei Lodron a Trento o visitare luoghi sacri solitamente chiusi al pubblico. Un viaggio nella storia della città attraverso l'iniziativa “Il Museo e la città. Itinerari tematici alla scoperta di Trento” promossa a partire dal prossimo 18 marzo dal Museo Diocesano Tridentino

 

L'attività, rivolta al pubblico adulto, intende far conoscere il rapporto vivo e multiforme tra il patrimonio custodito nelle sale di Palazzo Pretorio e la storia e l'arte presenti nelle chiese, nelle piazze, nelle vie e nei palazzi di Trento.

 

Gli appuntamenti in programma sono quattro ed ognuno sarà caratterizzato da un diverso tema, sviluppato attraverso la combinazione di una visita guidata in museo - a contatto con le opere della collezione permanente - e di un percorso a piedi in città, nelle strade del centro storico di Trento.

 

Il primo appuntamento, previsto per sabato 18 marzo, è dedicato al tema I Lodron a Trento: arte, memoria e potere dinastico e permetterà di conoscere la storia di questa importante famiglia trentina attraverso un itinerario che si concluderà nelle sale affrescate di palazzo Lodron in Via Calepina. Nonostante l'aspetto esterno si presenti tutto sommato anonimo, Palazzo Lodron è un edificio di notevolissima importanza storica e artistica per il ciclo pittorico che orna i soffitti e i fregi delle sale interne.

 

L'itinerario di sabato 25 marzo porterà alla scoperta della Cappella dei Santi Martiri Anauniesi di Palazzo Fugger Galasso, un edificio sacro di elevato interesse artistico, solitamente chiuso al pubblico. La volta della piccola chiesa è decorata da pregevoli stucchi di inizio Seicento e da sette dipinti ad olio su tela dell'architetto e pittore Pietro Maria Bagnadore, al quale si deve anche il progetto del Palazzo e dell'annessa cappella gentilizia.

 

Per le vie di Trento sulle tracce del Simonino è il titolo del terzo appuntamento, fissato per sabato 1 aprile. Sarà un percorso di visita di carattere storico-artistico sui luoghi che recano ancora le tracce dell'antica devozione per il falso martire bambino. Il percorso si snoderà nelle vie del centro storico andando ad interessare via del Simonino, i bassorilievi di Palazzo Salvadori, la chiesa di San Pietro e la Cappella del Simonino, aperta straordinariamente in quest'occasione. Il percorso si concluderà in Vicolo dell'Adige, luogo dove una targa apposta dal Comune di Trento ricorda la vicenda che ha tristemente segnato i rapporti con la Comunità ebraica.

 

L'ultimo incontro, fissato per sabato 8 aprile, sempre alle ore 10.00, è dedicato ad uno dei protagonisti delle pittura veneta nel Trentino del XVIII secolo: Francesco Fontebasso (Venezia, 1707-1769). Il percorso si dividerà tra la pinacoteca del Museo Diocesano e la vicina chiesa dell'Annunziata, decorata dal Fontebasso tra il 1736 e il 1737.

 

Per poter partecipare agli incontri è necessaria l'iscrizione obbligatoria entro le ore 17.00 del venerdì precedente l'iniziativa telefonando al numero 0461.234419. È possibile iscriversi ad uno o più percorsi; il costo di ciascuno è di 5 euro

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 gennaio - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

27 gennaio - 20:46

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 2 decessi. Sono 20 i Comuni con almeno 1 nuova positività

27 gennaio - 21:02

Il deputato della Lega ha incassato l'interessamento dell'associazione Millions of friend in Romania a valutare la possibilità di ospitare un orso attualmente rinchiuso al Casteller. Maturi: "Ora bisognerà comprendere le eventuali incombenze burocratiche e perfezionare eventuali accordi, ma possiamo serenamente affermare che da oggi c'è un cambio di passo"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato