Contenuto sponsorizzato

Sicurezza sui treni, la Pat pronta a collaborare con Trenitalia: "Vigilanza privata soluzione efficace"

In risposta a un'interrogazione di Claudio Civettini lo spiega l'assessore Gilmozzi: "Già previsto di intervenire e co-finanziare iniziative di Trenitalia per presidiare le fermate più delicate: Domegliara, Borghetto, Ala"

Pubblicato il - 10 ottobre 2017 - 19:21

TRENTO. A segnalare la situazione all'attenzione della Giunta provinciale era stato il consigliere Claudio Civettini con un'interrogazione. La tratta ferroviaria del Brennero, soprattutto tra Verona e Trento, è in balia di eventi che minacciano la sicurezza delle persone e del capotreno. 

 

Ora la Giunta, per firma dell'assessore Mauro Gilmozzi, risponde al consigliere annunciando nuove e future collaborazioni con Trenitalia per il controllo dei biglietti e di conseguenza il controllo della situazione. 

 

"E' noto che il fenomeno riguarda in particolare cittadini stranieri domiciliati a Verona, che alla luce dei divieti locali per l'attività di accattonaggio si dirigono a nord acquistando un biglietto al minimo prezzo indispensabile per poter salire sui treni e poi contare sulla eventuale mancata presenza dei controlli. Questo anche per la tratta in direzione a su di Trento". 

 

Spiegato il fenomeno Gilmozzi scrive di come la Provincia abbia già previsto, "nell'ambito del contratto di servizio, di intervenire e co-finanziare iniziative di Trenitalia per attivare forme di vigilanza privata che possano presidiare nelle fermate più delicate: Domegliara, Borghetto, Ala".

 

Ma a decidere dev'essere Trenitalia: "Se nell'ambito della propria autonomia organizzativa intenderà accedere all'opzione vigilanza la Provincia concorrerà". Ma saranno anche altre le possibili soluzioni, sempre che RFI, responsabile delle stazioni, voglia collaborare con alcuni investimenti.

 

Ad esempio il potenziamento dei filtri in partenza, forme di eventuale revisione del sistema tariffario (che preveda acquisto di biglietti con chilometraggio più lungo), forme di impedimento fisico dell'accesso alla stazione sia in entrata che in uscita a chi è sprovvisto di titolo di viaggio. 

 

Nella conclusione Gilmozzi spiega che la vigilanza privata, anche a tutela del capotreno, è quella più efficace, "capace di fronteggiare episodi come quelli descritti anche in termini di prevenzione".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 giugno - 09:20
Mistero sul lago di Garda dove, a bordo di un’imbarcazione arenata, è stato rinvenuto il cadavere di un uomo. Il natante presenta danni da urto [...]
Cronaca
20 giugno - 10:08
I giovani coinvolti nell’incidente hanno rispettivamente 19, 21 e 22 anni e una volta estratti dalle lamiere sono stati presi in carico dai [...]
Cronaca
20 giugno - 09:42
Le condizioni del ragazzo, di soli 19 anni, erano apparse subito molto gravi. Purtroppo le ferite riportate nello schianto si sono rivelate fatali, [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato