Contenuto sponsorizzato

Sicurezza treni, domani sciopero. I sindacati: "Telecamere e mappatura delle linee più a rischio"

In Trentino i sindacati hanno sollecitato più volte l'istituzione di un tavolo tra la Prefettura, la Pat, i Comuni interessati e le organizzazioni dei lavoratori per concordare quale azioni intraprendere per limitare il fenomeno. Ad oggi nulla si è mosso

Pubblicato il - 06 settembre 2017 - 12:26

TRENTO. Giovedì il personale viaggiante delle ferrovie, in Trentino e in Alto Adige, incrocerà le braccia dalle 9 alle 17 per protestare contro la carenza di sicurezza sui treni. A scioperare saranno macchinisti e capitreno in servizio sui treni di Trenitalia circolanti tra Brennero e Verona, Bolzano e Merano, Fortezza e San Candido e Trento e Bassano. Sono esclusi dallo sciopero i treni Eurocity da e per Monaco, le frecce da e per Roma e i treni regionali di SAD e Trentino Trasporti.

 

Lo sciopero è stato indetto unitariamente dalle organizzazioni sindacali del Trentino e dell'Alto Adige (Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Ugl Trasporti e Orsa ferrovie) che spiegano come l'obiettivo dello sciopero sarà quello di denunciare una situazione ormai insostenibile con l'auspicio di accendere l'attenzione delle istituzioni e delle società di trasporto.

 

“Quello della sicurezza sui mezzi pubblici, autobus e treni, ha raggiunto ovunque livelli difficili da sopportare – ha denunciato Stefano Montani, segretario trentino della Filt -. Tra i lavoratori c'è ormai grande insofferenza, ma anche la consapevolezza che non sarà una giornata di sciopero a risolvere la situazione, consci anche dei disagi che questo provocherà ai cittadini”.

 

In Trentino i sindacati hanno sollecitato più volte l'istituzione di un tavolo tra la Prefettura, la Pat, i Comuni interessati e le organizzazioni dei lavoratori per concordare quale azioni intraprendere per limitare il fenomeno. Ad oggi nulla si è mosso.

 

Per i sindacati “non tutte le linee dei bus o le corse dei treni sono uguali, mappare quelle più a rischio e indirizzare su di esse l'attenzione delle forze dell'ordine potrebbe essere un primo passo importante. Utile sarebbe anche l'installazione di telecamere su tutti i treni che ne sono sprovvisti e nelle stazioni più piccole”. Sarebbe opportuno anche aggiunge Montani “che nelle stazioni di dimensione maggiore si ripristinasse la Polizia Ferroviaria e si prevedessero dei varchi obbligatori per l'accesso ai binari, aperti solo a chi è munito di biglietto”.

 

Accanto alle misure di controllo, si propone anche maggiore sensibilizzazione per i giovani. “Potrebbe essere utile organizzare delle giornate di formazione nelle scuole per sensibilizzare i ragazzi e le ragazze su questo tema”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 05:01

Il consigliere pentastellato non ci sta: il manifesto va cambiato perché manda un messaggio sbagliato. "Non va inculcato nella testa dei bambini che il papà è un orco". Non si è fatta attendere la reazione di Non una di meno-Trento: "Per contrastare ogni discriminazione e fenomeno oppressivo dobbiamo guardare alla sua radice e non annacquare tutte le situazioni in riferimenti generici privi di contesto"

22 novembre - 08:22

Si tratta di Luca Bettega. Sul posto si sono portati i carabinieri e il medico legale. E' stata disposta l'autopsia per accertare le causa della morte 

21 novembre - 19:19

Per l'assessora provinciale competente questo sarebbe ''un segnale importante'' per aiutare chi quotidianamente convive con i problemi legati all'handicap eppure le variabili in gioco sembrano essere davvero troppe. La norma rischia di valere per pochissimi casi. Meglio sarebbe stato potenziare la legge nazionale che prevedere di favorire lo smart working per i genitori di figli disabili

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato