Contenuto sponsorizzato

Stadio a Piedicastello? Andreatta: "Visioneremo il progetto ma non penso sia il posto giusto sotto la montagna"

Gli architetti dello studio Campomarzio stanno lavorando a un progetto ispirato al modello di Neuchatel, in Svizzera, per creare una struttura che al polo fieristico aggiunga anche uno stadio da circa 15.000 posti. Gilmozzi: "Idea suggestiva ma va valutata". Il sindaco visionerà il piano la prossima settimana ma frena

Di Luca Pianesi e Giuseppe Fin - 22 July 2017 - 06:37

TRENTO. Stadio a Piedicastello? Si, forse, ma anche no. Il progetto piace, verrà valutato ma il sindaco già prende le distanze con un "ma non volevamo farlo fuori dalla città?". Due giorni fa, in esclusiva, vi abbiamo spiegato del progetto avveniristico che sta nascendo sull'area ex Italcementi. La possibilità di realizzare il polo fieristico (che comunque verrà costruito lì a Piedicastello) con all'interno lo stadio da 15.000 posti che da tempo chiede il presidente del Trento Calcio Mauro Giacca. Una struttura simile a quella di Neuchatel, in Svizzera, dove si trova lo stadio de "la Maladiere" che ospita uno stadio da 12.000 posti, 54 boutique, sei palestre, spazi per concerti ed eventi e anche una caserma dei vigili del fuoco.

 

Al progetto stanno lavorando i brillanti architetti dello studio Campomarzio. L'idea è partita da loro e chi ha avuto la fortuna di vede quanto stanno progettato resta stupito. Gli assessori Uez, Biasioli, Gilmozzi e Stanchina lo hanno già visionato e quest'ultimo è, senza dubbio, il più convinto. Gilmozzi, ieri in visita con il sindaco proprio a Piedicastello per vedere lo stato dell'arte dei lavori all'altezza del cavalcavia, ha commentato che "è un'idea originale e suggestiva, ma che serve approfondirla valutando i possibili tempi di realizzazione e i costi". Chi, invece, ha frenato gli entusiasmi è stato proprio il sindaco Andreatta.

 


 

"Dello stadio stiamo parlando da un po' effettivamente - ha detto il primo cittadino - e i ragazzi di Campomarzio li vedrò la prossima settimana. Mi dicono tutti che il progetto è molto interessante ma credo che Piedicastello non sia il posto giusto. Mettere uno stadio sotto la montagna non è una grande idea. D'inverno resterebbe sempre all'ombra e per gli spettatori potrebbe farsi dura. Chi va al Briamasco già sa il freddo che si sente in certi momenti dell'anno. Poi ci siamo sempre detti che lo stadio deve stare fuori dalla città mentre Piedicastello è città. Il posto giusto potrebbe essere Ravina. In ogni caso la prossima settimana visionerò il progetto e poi con la Giunta ne discuteremo. Nulla è deciso. E più idee ci sono in campo meglio è".

 


 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 February - 12:36

Continua a correre il contagio da Coronavirus in Alto Adige. Sono 350 le persone risultate positive nelle ultime 24 ore. Ancora pesante il bilancio dei decessi. Con gli ultimi 7 il numero di vittime in questa seconda fase sale a 730

26 February - 10:41

E' polemica attorno alla scelta di un liceo di Thiene di dar vita a un "gruppo di confronto e scambio Lgbt". Dopo le richieste di una madre e blogger di bilanciare con "uno spazio su eterosessualità e famiglia tradizionale" è intervenuta anche l'assessora regionale all'Istruzione Elena Donazzan: "Inopportuno e forzato trattare un tema così delicato"

26 February - 11:01

In Trentino Alto Adige la relazione della Dia fa riferimento a soggetti riconducibili alla criminalità mafiosa che mantengono un basso profilo al fine di sviluppare le proprie attività, principalmente incentrate sul reimpiego di capitali in attività lecite. L'’operatività di affiliati alla ‘ndrangheta è emersa in Trentino e in Alto Adige già a partire dagli anni ‘70

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato