Contenuto sponsorizzato

Stalla divorata dalle fiamme sopra Folgaria, salve le pecore che erano al pascolo

L'incendio si è sviluppato intorno alle 18.50 e ha distrutto una struttura in località Morganti. Solo l'intervento dei vigili del fuoco di Folgaria, Calliano, Lavarone e Besenello ha permesso di circoscrivere i danni

Pubblicato il - 09 giugno 2017 - 22:06

FOLGARIA. Fortunatamente le pecore erano tutte al pascolo, (qualche coniglio pare sia stato meno fortunato) quindi lontane dal pericolo. Intorno alle 18.50, infatti, una stalla in località Morganti, tra Folgaria e Carbonare, è andata a fuoco.

 

Non sono ancora chiare le origini dell'incendio che ha letteralmente divorato la struttura che veniva usata come riparo per gli animali (sul posto si sono recati anche i carabinieri per accertare eventuali responsabilità e cause) quel che è certo è che le fiamme sono divampate per alcune ore e hanno costretto i vigili del fuoco volontari di Folgaria assieme a quelli di Lavarone, Calliano e Besenello a un super lavoro.

 


 

Sul posto sono giunte 4 autobotti e un totale di circa 40 pompieri che si sono alternati per mettere in sicurezza l'area servendosi anche di un idrante (fortunatamente in zona si trovava un punto d'attacco). Alla fine quel che è rimasto della struttura è solo lo scheletro in legno.

 


 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 marzo - 20:08

Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicato 1 decesso. Sono 61 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

02 marzo - 19:51

In Italia il 54% dei contagi è legato alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. A Brescia, per la prima volta, isolata quella nigeriana. L’Iss: “In un contesto in cui la vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di mutazioni a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguate”

02 marzo - 19:40

C'è la firma sul nuovo Dpcm, il primo del premier Draghi, che entra in vigore dal 7 marzo al 6 aprile, Pasqua inclusa. Un'altra novità riguarda cinema e teatri. "Dal 27 marzo sarà possibile con una prenotazione online, tornare a frequentare i luoghi della cultura"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato