Contenuto sponsorizzato

Targhe polacche, attrezzi da scasso e un motorino rubato nel furgone, arrestati due giovani a Rovereto

I ragazzi, entrambi ucraini, sono stati circondati dai carabinieri poco fuori dal casello di Rovereto Sud e una volta perquisiti i loro mezzi sono stati trovati con un vero kit per lo scasso e con le targhe pronte a camuffare i furti. Un modus operandi ben conosciuto dalle forze dell'ordine che li hanno arrestati

Pubblicato il - 24 August 2017 - 13:09

ROVERETO. Quando hanno aperto il furgone i carabinieri vi hanno trovato una Yamaha X Max del valore di 7.000 euro, svariate targhe polacche e ungheresi, chiavi inglesi, pinze, guanti, tronchesi e tutti gli attrezzi del mestiere. Quale? Quello dello scassinatore, ovviamente. Sono stati fermati ieri mattina all'altezza del Casello di Rovereto Sud, all'uscita dell'autostrada, due giovani ucraini (27 anni e 25 anni) che scesi da una macchina si sono diretti verso un furgone con targa ucraina che aveva già attirato l'attenzione dei carabinieri.

 

I militari hanno atteso e quando hanno visto che uno dei due giovani si stava mettendo alla guida del furgone sono intervenuti con un blitz che è scattato in pochi secondi. Il furgone e la vettura sono stati, quindi, accerchiati dai carabinieri e sottoposti a perquisizione. Il furgone, come detto, conteneva una Yamaha X Max del valore di 7000 euro rubata ad Iseo la sera precedente ad una signora che si è vista restituire il motociclo proprio nel giorno del suo compleanno. La targa era già stata rimossa così da far apparire ad eventuali controlli che il motociclo era in fase di esportazione.

 

Nella vettura sono state trovate targhe polacche ed un vero arsenale da scasso: chiavi inglesi, pinze, guanti, tronchesi e quanto altro necessario per aprire le porte ed introdursi nelle abitazioni. Il sospetto degli inquirenti è che i due avessero fatto una ricognizione a Rovereto e Mori per un nuovo colpo da mettere a segno prima di tornare in Ucraina. Il “modus operandi”  è apparso molto chiaro ai carabinieri che già altre volte hanno riscontrato l’uso di più veicoli per consumare furti: un’auto o una moto per muoversi velocemente nel traffico, ed un furgone parcheggiato quale deposito per la refurtiva che viene occultata come si trattasse di un normale trasporto di beni.

 

Ora i giovani si trovano in stato di arresto e sono stati associati alla Casa Circondariale di Trento.
 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 March - 05:01

In Alto Adige l'Azienda sanitaria ha denunciato i partecipanti alla messa in scena dove si consiglia di utilizzare vitamina Ce D, estratti di erbe e si parla di buona respirazione e sana alimentazione mentre si mette tra virgolette la parola vaccini anti Covid. Tra loro anche il dottor Cappelletti. Il presidente dell'Ordine del Trentino: ''Decisamente stupito per una presa di posizione così contraria alle raccomandazioni che la classe medica dovrebbe dare in questa fase. Così si confonde la popolazione''

02 March - 20:08

Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicato 1 decesso. Sono 61 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

02 March - 19:51

In Italia il 54% dei contagi è legato alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. A Brescia, per la prima volta, isolata quella nigeriana. L’Iss: “In un contesto in cui la vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di mutazioni a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguate”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato