Contenuto sponsorizzato

Tassullo Materiali, altri 27 esuberi entro fine anno

Cgil, Cisl e Uil e il curatore fallimentare hanno trovato un accordo e non saranno 32 gli esuberi. Azione necessaria per continuare l'attività provvisoria e mantenere il valore dell'azienda sul mercato. L'allarme dei sindacati: "Serve un acquirente entro fine anno per garantire la sopravvivenza della Tassullo Materiali"

Di Luca Andreazza - 28 settembre 2016 - 18:49

TRENTO. Piccolo sussulto per la Tassullo Materiali. I tagli dei posti di lavoro saranno 27 e non 32 come inizialmente stabilito. L'accordo, scaturito dopo l'incontro fra le le tre sigle sindacali Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil e il curatore fallimentare Alberto Bombardelli, sarà esecutivo da dicembre.  

 

I tagli previsti riguardano 19 impiegati e 8 operai; 19 esuberi (15 impiegati e 4 operai) sono negli stabilimenti di Tassullo e Mollaro, mentre 8 nello stabilimento di Solferino, in provincia di Mantova, che verrà chiuso.

 

“E' una decisione triste ma di fronte alla quale non c'erano alternative – ammettono i segretari Maurizio Zabbeni, Fabrizio Bignotti e Gianni Tomasi -. Siamo comunque riusciti a limare gli esuberi previsti, riducendoli da 32 a 27 e abbiamo ottenuto l'impegno, scritto nell'accordo, che in caso di acquisizione del gruppo e dunque pieno ripristino dell'attività, questo personale possa essere riassunto prioritariamente”.

 

La Tassullo Materiali è stata dichiarata fallita su richiesta della Procura e dei creditori Sts Polistiroli, Edonet e Buzzi Unicem nel luglio scorso. Già nel 2015 l'azienda nonesa era passata da 125 a 75 dipendenti per far fronte alla contrazione del fatturato. Il rosso di 22,60 milioni di euro aveva spinto la società a presentare domanda di concordato con riserva. Ma visto il conto, la richiesta venne respinta e avviata la procedura fallimentare, sancita dalla pratica 64/2016.

 

Sempre il Tribunale ha disposto l'esercizio provvisorio e la continuazione dell'attività per una migliore allocazione sul mercato degli assets per mantenere il valore aziendale. Ora il Tribunale aveva richiesto una riduzione dei costi per mantenere l'appetibilità dell'azienda tagliando i posti di lavoro non indispensabili al mantenimento della ridotta attività svolta.

 

Tre aste però sono già andate deserte e all'orizzonte non si vede ancora nessuna soluzione, se non qualche manifestazione informale di interesse, e intanto il tempo corre, soprattutto in vista dell'aggiornamento dello stato passivo fissato per il 12 gennaio del prossimo anno. "E' sconfortante e anche allarmante che nessuna cordata imprenditoriale trentina si sia fatta avanti per rilevare gli assets della Tassullo Materiali – accusano Zabbeni, Bignotti e Tomasi -. Noi stiamo facendo tutto il possibile per mantenere in piedi questa realtà, ma è assolutamente necessario che il tessuto imprenditoriale batta un colpo e che anche la Provincia imprima, per quanto possibile, un'accelerazione. Se non si arriverà in tempi ragionevolmente rapidi ad un subentro, si arriverà alla chiusura definitiva”.

 

Per i sindacati è necessario trovare un acquirente, entro la fine di novembre, per evitare i licenziamenti e poter contare ancora su un ulteriore anno di cassa integrazione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 dicembre - 20:28

Da qualche giorno appare chiaro che sommando i positivi trovati con i molecolari e gli antigenici il Trentino appare in linea (anzi con dati peggiori come per altro sui decessi e le terapie intensive) con l'Alto Adige. Ieri i positivi ''reali'' erano circa 520 (a fronte dei 156 comunicati in conferenza stampa) e sabato erano circa 800 (a fronte dei 219 di Fugatti e Segnana). Da domani anche la Pat dovrebbe fornire i dati completi uniformandosi alla vicina provincia di Bolzano

02 dicembre - 19:37

Sono 459 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 278 positivi a fronte dell'analisi di 3.705 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,5%

02 dicembre - 18:25

Il presidente ha annunciato il nuovo documento che dal 3 dicembre cambia le cose e permette nuove libertà per i cittadini. Saltano tutte le restrizioni in più rispetto alla ''normale'' zona gialla. Ecco cosa cambia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato