Contenuto sponsorizzato

Terminati i lavori di ampliamento riapre il rifugio Torre di Pisa

I lavori sono durati circa un anno e hanno portato ad un ampliamento della struttura seguendo i principi della sostenibilità ambientale e ad un riammodernamento degli interni 

Pubblicato il - 18 June 2017 - 13:12

PREDAZZO. Dopo diversi lavori di ristrutturazione il rifugio Torre di Pisa, da sempre molto conosciuto e apprezzato dagli escursionisti, torna ad aprire i battenti per la stagione estiva.

 

La struttura si trova sulla cima Cavignon a 2.671 metri nel gruppo del Latemar. E' l'unica struttura che fa parte di questo gruppo e si trova in uno dei panorami più suggestivi delle Dolomiti.

 

Il nome di questo rifugio deriva da un pinnacolo posto pochi metri dietro il rifugio chiamato proprio Torre di Pisa data la sua forma e alla sua struttura pendente simile alla Torre di Pisa che si trova in Toscana.

 

I lavori al rifugio sono durati circa un anno e hanno portato ad un ampliamento della struttura seguendo i principi della sostenibilità ambientale e alla sistemazione dei diversi impianti ed infine è stato rinnovato l'arredamento interno per ricreare un luogo sempre più accogliente. Per gli arredi e le rifiniture sono state chiamate aziende della Val di Fiemme e i materiali utilizzati sono tutti naturali.

 

Il rifugio, disposto su due piani, con due tetti spioventi offrirà, come già detto, un volume raddoppiato. I posti letto, circa 36, saranno nel piano superiore, suddivisi in due cameroni grandi e due più piccoli.

 

Secondo i titolari, “entro un paio di settimane” il cantiere sarà completamente terminato e rifugio Torre di Pisa potrà tornare a riaprire le proprie porte ai visitatori e agli appassionati di montagna.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 February - 05:01

Secondo alcune stime, procedendo con questo ritmo, il Trentino completerà la campagna vaccinale dopo l’estate del 2023. Il ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Padova: “L’impressione è che alcuni territori abbiano già raggiunto il limite giornaliero di dosi che riescono a somministrare”. Intanto dai portali nazionali le somministrazioni di AstraZeneca sarebbero ferme, in Trentino, ma non è così: ecco perché  

24 February - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 February - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato