Contenuto sponsorizzato

Torrione di piazza Fiera, potrà essere adibito alla vendita di prodotti artigianali e agroalimentari

I due bandi passati sono andati deserti. Molte le novità del nuovo bando. Il termine della presentazione delle offerte è fissato per il prossimo 23 febbraio alle 12.30. "Già manifestate espressioni di interesse"

Di G.Fin - 21 novembre 2016 - 12:29

TRENTO. La fondazione Crosina Sartori Cloch ci riprova. Dopo i due bandi andati deserti nel 2007 e 2013, ha deciso di riproporre un nuovo bando d'asta pubblica per la locazione del Torrione di piazza Fiera. L'aggiudicazione avverrà con il criterio del massimo rialzo sul canone di locazione annuale posta a base di gara, fissato in 49 mila 977,69 euro.

 

Il bando, rispetto alle precedenti edizioni, però, riserva delle novità. La prima consiste nel fatto che si parla di “locazione” e non più di “cessione”. Oltre a questo c'è il ventaglio di possibilità a cui il torrione può essere adibito.

 

“Il nuovo bando – ha spiegato Claudio Tasin, presidente della fondazione – è il terzo e prevede non più la concessione ma bensì la locazione. Questo permetterà a chi vincesse un utilizzo più duttile del torrione. Oltre che per l'aspetto alberghiero ci potrà essere la destinazione ad attività di ristorazione, culturali e anche attività commerciali per la vendita di prodotti artigianali o agroalimentari”.

 

La seconda importante novità riguarda la compartecipazione della Fondazione Crosina Sartori Cloch nei lavori di sistemazione. A fronte degli interventi necessari per rendere il Torrione funzionale alla destinazione d'uso indicata nel progetto di valorizzazione, la fondazione ha previsto una compartecipazione del valore di circa 500 mila euro.

“Su certi lavori – ha spiegato Tasin – come opere murarie, impianti di elevazione, ascensori o impianti termoelettrici, noi interveniamo alle spese dal 30 al 49%. Per valore complessivo di mezzo milione di euro spalmato su 20 anni che andrà in deduzione all'affitto”.

 

La terza novità è la durata del contratto. Il primo sarà di dieci anni, rinnovato poi automaticamente per altri 10 anni. Il secondo rinnovo sarà invece di 9 anni.

 

“Speriamo che questa volta – ha spiegato il presidente della Fondazione Crosina Sartori Cloch – il bando non vada deserto. L'apertura delle buste avverrà il il 23 gennaio, termine ultime per la presentazione delle offerte (ore 12.30). Per scaramanzia non vogliamo pensare ad un piano B”.

 

 

LA STORIA DEL TORRIONE DI PIAZZA FIERA

 

Viene definito il “Torrione Madruzziano”, è un largo baluardo cilindrico, originariamente posto a difesa antemurale in prossimità della Porta di Santa Croce (oggi scomparsa all'imbocco di via Mazzini), successivamente trasformato in edificio per negozi ed abitazioni.

 

Fu costruito nel secolo XVI per ospitarvi il corpo di guardia, a difesa dell'entrata meridionale alla città.

 

La prima testimonianza iconografica, lo ritrae coperto da un'alta cuspide conica e congiunto alla porta di Santa Croce da un muro merlato forato da un fornice che consentiva la comunicazione con l'area esterna alle mura. Durante l'episcopato di Ludovico Madruzzo (nel 1595) il Torrione fu sottoposto a rimaneggiamenti e presumibilmente a quell'intervento risale l'eliminazione della copertura onde realizzare una piazzola con merlature più adatta ai tiri dell'artiglieria.

 

 

La porta di Santa Croce fu danneggiata da una cannonata nel 1796 nel corso dell'invasione napoleonica mentre fu definitivamente smantellata nel 1844. Nel frattempo anche il Torrione (che all'epoca veniva chiamato “Rotonda”) aveva perduto il suo ruolo storico ed era stato privatizzato.

 

Nel 1834 ne divenne proprietario il “caffettiere” Donato Perghem che effettuò una radicale ristrutturazione effettuandone l'innalzamento e l'assottigliamento dei muri, lavori svolti nel 1835.

 

Allo stesso Perghem si deve la costruzione del passaggio aereo con la vicina casa a nord, anch'essa di sua proprietà. Nel 1897 l'edificio residenziale viene intavolato all'atto di impianto del libro fondiario a nome dell'Orfanotrofio Maschile Sartori.

 

Da circa una decina di anni il Torrione non è in uso.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 18:52

Gli affari non girano nemmeno con le promozioni messe in campo con il "Black Friday" e tanti negozianti trentini si trovano in difficoltà. "Le persone hanno paura, non sono serene nel fare gli acquisti e questo sta avendo delle conseguenze disastrose su tutto il tessuto economico" ci dicono 

27 novembre - 19:40

Anche oggi, come quasi sempre negli ultimi giorni, si è verificato il sorpasso dei guariti rispetto ai nuovi contagiati trovati 

27 novembre - 18:46

Il presidente ha spiegato che, non domani, ma sabato 5 dicembre potrebbero tornare aperti i negozi e i centri con metratura superiore ai 240 metri quadri e sulle seconde case: ''A Natale dovrebbe essere tutta Italia zona gialla e quindi se la legge resta questa si potrà circolare tra le regioni''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato