Contenuto sponsorizzato

Tragedia sulla Presenella, terzo morto: non ce l'ha fatta il ragazzo di 14 anni ricoverato a Trento

Dopo la morte della mamma Raffaella Zanotti anche il figlio più piccolo Cesare Ziboni non ce l'ha fatta. Dimesso il fratello più grande di 21 anni. In condizioni gravissime il padre ricoverato a Brescia

Pubblicato il - 28 agosto 2017 - 19:27

TRENTO. Non ce l'ha fatta il ragazzo di 14 anni che era ricoverato all'Ospedale di Trento dopo il drammatico incidente di domenica avvenuto sull'Adamello. Due le vittime in quota, Raffaella Zanotti e Luciano Bertagna. Sette erano i feriti trasferiti agli ospedali di Brescia, Cles, Bolzano e Trento. E proprio dall'Ospedale di Trento è arrivata l'ennesima terribile notizia.

 

Il ragazzo di 14 anni Cesare Ziboni figlio di Raffaella Zanotti e di Giovanni Ziboni (che invece è ricoverato in gravi condizioni a Brescia) non ce l'ha fatta. Era ricoverato in condizioni gravissime ed era già stato sottoposto ad un intervento chirurgico. Poi la corsa in rianimazione e la speranza appesa a un lumicino che oggi, però, si è tragicamente spento

 

Dimesso, invece, il fratello più grande di Cesare, un giovane di 21 anni che aveva riportato solo delle ferite più lievi ed era stato ricoverato all'Ospedale di Cles. Una famiglia, comunque, distrutta da quell'incidente avvenuto mentre scalavano in cordata la cresta nord ovest della Cima Presanella, a quota 3.500 metri nelle Alpi Retiche. Lo scivolone sul ghiaccio, in questo periodo scivolosissimo per l'assenza di neve, la caduta in una voragine e il dramma avvenuto sulla vedretta Cercen all'altezza della forcella Freshfield. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 19:05

Nel pomeriggio si è riunita la sala operativa della Protezione civile. In arrivo sono previste abbondanti precipitazioni che rischiano di appesantire i manti nevosi, già a rischio scivolamento a quote medio-alte, e di portare i corsi d'acqua al di sopra della soglia d'attenzione. La situazione dovrebbe cambiare nella serata di domani

18 novembre - 19:55

Terminate le ricerche della cagnolona che sabato era precipitata da cima Mandriolo. In migliaia hanno scritto ai padroni per sostenerli e per esprimere loro vicinanza e solidarietà ma oggi le operazioni si sono concluse. ''Questo post anche per testimoniare quante meravigliose persone ci abbiano aiutato e supportato, solo per il desiderio di farlo e per esserci vicini''

18 novembre - 19:41

L'allarme è scattato attorno alle 18.30. Sul posto oltre ai vigili del fuoco di Trento sono intervenuti anche gli agenti della polizia locale e i tenici di Novareti 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato